lunedì, 19 febbraio, 2018
Sei qui: Home / T / TONI SARTANA E LE STREGHE DI BAGDAD - regia collettiva

TONI SARTANA E LE STREGHE DI BAGDAD - regia collettiva

"Toni Sartana e le streghe di Bagdad", regia collettiva "Toni Sartana e le streghe di Bagdad", regia collettiva

la Cativissìma Capitolo II
Con Natalino Balasso, Francesca Botti, Andrea Collavino,
Marta Dalla Via, Denis Fasolo, Beatrice Niero

Regia collettiva
Scenofonia, luminismi e stile Roberto Tarasco
Costumi Lauretta Salvagnin
Produzione Teatro Stabile del Veneto – Teatro Nazionale
Teatro Menotti, Milano, dal 6 all'11 febbraio 2018

www.Sipario.it, 12 febbraio 2018

Toni Sartana e la sua guerra imbranata alla scalata al potere

"Toni Sartana e le streghe di Bagdad" è la seconda commedia della "Cativìssima", la trilogia dedicata al personaggio di Toni Sartana interpretato da Natalino Balasso. La storia affronta in chiave ironica l'economia capitalistica e i suoi condizionamenti sul comportamento umano. Siamo nel Veneto, in un luogo non precisato. Toni Sartana tenta la scalata al potere economico. Vuole diventare presidente di un'azienda che produce "jeans coi strappi". Inizia così ad escogitare una serie di piani per eliminare i diretti concorrenti, con l'aiuto di una moglie cinica senza remore morali. Cadranno vittime il rivale Bordin e il Munerol, magnate dell'azienda. Quando i giochi sembrano fatti, Lea Sartana ribalta inaspettatamente gli esiti della storia, smascherando la sete di potere tenuta velatamente nascosta fino a quel momento. Sarà lei ad essere decisiva nel determinare i destini di tutti i personaggi verso un finale, dai toni romantici, in cui Toni Sartana cercherà, anche qui senza successo, di compensare la sfortunata carriera professionale con l'amore per una donna, con annessa sorpresa.
È sotto questo impianto drammaturgico, apparentemente artificiale e colorato di un sarcasmo intelligente capace di divertire il pubblico, che si nasconde una profonda critica verso l'attuale società asservita ai dogmi capitalistici. Il Veneto, sociologicamente, rappresenta bene questa tendenza a cui sono asserviti tutti i personaggi. La vita non fa sconti ad ognuno di essi. È una sconfitta totale. Vincono il denaro, il potere e lo spritz che annebbia le menti in una sorta di "rincoglionimento" utile per i vincitori. Le streghe rappresentano i fantasmi contro cui Sartana combatte goffamente senza riuscire a liberarsi dai propri idoli. È così che Bagdad compare intelligentemente nel titolo della pièce per indicarci metaforicamente dove, andando in questa direzione, possiamo arrivare e dove lo stesso Sartana è arrivato: una trincea in cui la vita, sostituita o meglio diventata una guerra, acquista i connotati primordiali dell' "homo homini lupus". Non c'è pace in "Toni Sartana e le streghe di Bagdad". Le battute dei personaggi, caratterizzati originalmente dalla bravura degli attori, ci fanno sorridere o addirittura ridere, per le due ore e più della durata dello spettacolo, senza mai annoiarci e ammonendoci sul rischio e pericolo di diventare folli. È questa la fine che farà Sartana. Rimpiangerà la donna abbandonata in grado di riscattare il suo destino. Imbraccerà il fucile tra le mura di un ospedale, accorgendosi troppo tardi di aver fallito la propria vita. Da vedere.

Andrea Pietrantoni

Ultima modifica il Giovedì, 15 Febbraio 2018 22:58

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.