mercoledì, 17 luglio, 2019
Sei qui: Home / S / SPEAK LOW IF YOU SPEAK LOVE - regia Wim Vandekeybus

SPEAK LOW IF YOU SPEAK LOVE - regia Wim Vandekeybus

"Speak low if you speak love", regia, coreografia e scenografia Wim Vandekeybus "Speak low if you speak love", regia, coreografia e scenografia Wim Vandekeybus

regia, coreografia e scenografia Wim Vandekeybus

creato con e danzato da Jamil Attar, Livia Balazova, Chloé Beillevaire, David Ledger, Tomislav English, Nuhacet Guerra Segura, Sandra Geco Mercky, Maria Kolegova

musiche originali eseguite dal vivo Mauro Pawlowski, Elko Blijweert, Jeroen Stevens, Tutu Puoane

assistente artistico e drammaturgo Greet Van Poeck

assistenti ai movimenti Iñaki Azpillaga, Máté Mészáros

stylist Isabelle Lhoas assistita da Isabelle De Cannière

disegno luci Davy Deschepper, Wim Vandekeybus

disegno suono Bram Moriau, 
direzione tecnica Davy Deschepper

produzione Ultima Vez; coproduzione Foundation Mons 2015 European Capital of Culture, KVS, Le manège.mons, Festival de Marseille
con il sostegno di desingel internationale Kunstcampus Antwerp

ULTIMA VEZ è sostenuta da the Flemish Authorities & the Flemish Community Commission of the Brussels Capital Region 
Genova, Teatro della Tosse 5 dicembre 2015

www.Sipario.it, 6 dicembre 2015

La rassegna internazionale di teatro-danza "Resistere e creare" si conclude oggi con la seconda replica di Speak low if you speak love, ultima creazione di Wim Vandekeybus, artista belga che, negli ultimi decenni, ha rivoluzionato il mondo della danza.
Raramente in tour in Italia, per assistere ad uno spettacolo di Ultima Vez, la sua compagnia, di solito è necessario fare un bel viaggio. In questo senso la rassegna diretta da Michela Lucenti ha avuto il merito di portare a Genova un pezzo importante di danza contemporanea internazionale. La città risponde al richiamo di questo grande nome riempiendo la sala "Aldo Trionfo" del Teatro della Tosse.

In scena otto danzatori danno vita alle visioni di Vandekeybus sull'amore, declinato nelle sue accezioni più diverse. A fondo palco, seminascosta da teli trasparenti, la band di Mauro Pawlowski esegue dal vivo musiche e canzoni interpretate dalla cantante sudafricana Tutu Puoane.
Il palco è sgombro e si riempie solo dei corpi frementi degli interpreti. L'energia sprigionata dalle loro evoluzioni motorie è palpabile. Dalle prime file percepiamo il sudore, i gemiti, i cuori che sembrano schizzare fuori dal petto al ritmo tribale della batteria.

L'intesa fisica tra i danzatori è totale. I loro corpi dialogano e ci raccontano le loro intenzioni e la loro condizione emotiva. Fuori dal simbolismo di alcune situazioni sceniche, quello che rimane è un contatto profondo, una condivisione genuina dell'azione danzata. La performance diventa espressione dell'unione d'intenti della compagnia. I loro corpi di cercano e si respingono, si amano e si fanno violenza. In ogni azione si riconoscono come parte di una comunità danzante.

Il demiurgo Vandekeybus dà forma e ordine al caos emotivo prodotto dall'amore: i danzatori fanno esperienza della seduzione, dell'innamoramento, del gioco, del sesso, della gelosia, della violenza, dell'abbandono, del sacrificio. Lo studio del movimento è talmente profondo che riusciamo a percepire la natura stessa dell'azione: attiva o passiva, in quale punto del corpo ha origine, come e dove andrà a disperdersi.

L'impatto visivo e sonoro della performance è imponente e la direzione unitaria. Come per tutti i lavori di Ultima Vez, è lo stesso Vandekeybus a curare lo spettacolo nella sua interezza: coreografia, scenografia, luci e regia portano la sua firma. Il risultato è un lavoro con un'identità forte, che si avvale di molte anime che mettono in gioco il proprio vissuto, le proprie capacità e ma anche la propria responsabilità d'artista. La compagnia fa quadrato intorno alla visione originale ed eccentrica di Vandekeybus.

A fine spettacolo una danzatrice si avvicina al proscenio con una corda legata intorno alla vita. Lancia l'altra estremità nel buio della platea. Qualcuno di noi la raccoglie e inizia a tirare finché il suo corpo, dolcemente, salta giù. Ultima Vez è riuscita a coglierci all'amo.

Marianna Norese

Ultima modifica il Domenica, 06 Dicembre 2015 13:43

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.