Stampa questa pagina

SUPPLICI (LE) - regia Moni Ovadia

"Le supplici", regia Moni Ovadia "Le supplici", regia Moni Ovadia

di Eschilo
Traduzione Guido Paduano
Adattamento scenico in siciliano e greco moderno
Moni Ovadia, Mario Incudine, Pippo Kaballà
Regia Moni Ovadia
Regista collaboratore Mario Incudine
Scene Gianni Carluccio
Costumi Elisa Savi
Musiche Mario Incudine
Movimenti coreografici Dario La Ferla
Assistente scenografo Sebastiana Di Gesù
Assistente musicale Antonio Vasta
Ingegnere del suono Ferdinando Di Marco
Progetto audio Vincenzo Quadarella
Progetto luci Elvio Amaniera
Costumista assistente e responsabile sartoria Marcella Salvo
Responsabile trucco e parrucco Aldo Caldarella
Direttore di scena Vincenzo Campailla, Ilario Grieco
Fotografi di scena Gianni Luigi Carnera, Maria Pia Ballarino
PERSONAGGI E INTERPRETI: (o.a.)
Cantastorie Mario Incudine
Danao Angelo Tosto
Prima Corifea Donatella Finocchiaro
Corifee Rita Abela, Sara Aprile, Giada Lorusso, Elena Polic Greco, Alessandra Salamida
Pelasgo Moni Ovadia
Araldo degli Egizi Marco Guerzoni
Voce egizia Faisal Taher
Musicisti Antonio Vasta (fisarmonica-zampogna), Antonio Putzu (fiati), Manfredi Tumminello (chitarra-bouzouki), Giorgio Rizzo (percussioni)
Accademia d'Arte del Dramma Antico, sezione scuola di teatro" Giusto Monaco":
Danaidi Delfina Balistreri, Federica Cavallaro, Aurora Cimino, Carla Cintolo,
Cinzia Coniglione, Eleonora De Luca, Alice Fusaro, Desiree Giarratana,
Clara Ingargiola, Laura Ingiulla, Virginia La Tella, Maddalena Serratore,
Nadia Spicuglia, Sabrina Sproviero, Arianna Vinci, Claudia Zappia
Donne del popolo Alessia Ancona, Cristina Coniglio, Giulia Goro, Giulia Navarra
Uomini del popolo Alfonso Maria Biuso, Andrea Cannata, Michele Cervello,
Corrado Drago, Gabriele Formato, Gianni Luca Giuga, Marcello Gravina,
Elvio La Pira, Marcello Manzella, Vincenzo Paterna, Paolo PIntabona,
Bruno Prestigio, Francesco Torre
Armigeri- Egizi Antonio Bandiera, Dario Battaglia, Alessandro Burzotta,
Matteo Francomano, Domenico Macrì, Vladimir Randazzo
Costumi Laboratorio di sartoria Fondazione Inda Onlus
Scenografie Laboratorio di scenografia Fondazione Inda Onlus
51° Ciclo di Rappresentazioni Classiche Teatro Greco di Siracusa, 15 maggio - 28 giugno 2015

www.Sipario.it, 13 giugno 2015

"Le Supplici", un esperimento Europeo al Teatro Antico di Siracusa tra Sacro e Profana
Moni Ovadia ne "Le supplici", in scena al teatro Antico di Siracusa nell'attuale programmazione pone la problematica del processo di rivisitazione del teatro antico in direzione dell'adeguamento allo spirito moderno e alla cultura del nostro tempo.
Ricordo che anni addietro si pose la stessa problematica al Festival di Delfi di fronte a grandi del teatro europeo e mondiale e diverse furono le titubanze della critica, anzi dei critici, in quanto l'attualizzazione, a volte, toglie quella sacralità ai testi dei grandi greci o delle opere liriche. 
Allora erano Suzuki, grande regista ad aver dato prova di un'attualizzazione interessante di un'opera lirica, ma preservando il testo, così come Theodoros Terzopoulos con la sua "Antigone".
 Moni Ovadia ha tentato la via de lu cuntu siciliano, trasformando il testo di Eschilo in un musical contemporaneo dentro il quale per magia è rimasta tuttavia integra, anzi esaltandosi, l'intonazione classica, evocata nei ritmi orientali di tipo giambico, nella stessa ridondanza dei cori.
 Bellissima l'interpretazione sia delle Argive, le supplici, sia del re, sia la musica coinvolgente prodotta da strumenti appartenenti all'area mediterranea e greca, dal bouzouki alla fisarmonica, e altri strumenti, che rievocano mondi lontani e affascinanti legati al mondo contadino e orientale, ma anche africano. 
Le Supplici ci hanno dato la sensazione di essere membri di tribù africane alle prese col potere precostituito, sia nei movimenti sia nei comportamenti coreografici. 
La coreografia è stata molto curata nei dettagli e i movimenti lenti, ripetitivi hanno trasmesso suggestioni particolari e puculiari, che hanno dato una incisività al musical.
 Mancava, però, la sacralità necessaria al testo antico e al luogo, elementi essenziali in un teatro antico, che rivive nell'immaginario collettivo, dando vita ad una fruizione peculiare e particolare dell'area antica, che rivive grazie alla sua fruizione.
 L'acceso diverbio tra Pelasgo e l'Araldo degli Egizi (un immedesimato Marco Guerzoni), giocato sul ritmo di una serrata sticomitia nel confronto di siciliano e greco moderno, è stato il punto di fusione in cui mondi remoti, lingue di epoche distanti, civiltà contrapposte si sono incrociati e compresi. Forse è stato questo il momento di maggiore emozione e di più vibrante attesa: momento che a molti spettatori non ha potuto non ricordare, nella pretesa degli Egizi di avere le Danaidi e nel fermo rifiuto del re degli Argivi, una recente pagina di storia italiana, più precisamente siciliana: il tentativo nel 1985 dei reparti speciali americani di avere a Sigonella i sequestratori dell'Achille Lauro, tentativo neutralizzato dalla fermezza dei carabinieri in nome di un dovere di protezione nei confronti di stranieri pur anche rei di crimini di sangue sentito al pari di Pelasgo come obbligo inderogabile di una sana democrazia".
 Una nota di merito va alla scenografia con le statue personficanti gli dei ed uno spazio curato in un insieme equilibrato e affascinante.

Rosanna Bocchieri

Ultima modifica il Domenica, 21 Giugno 2015 10:47

Articoli correlati (da tag)

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.