martedì, 14 agosto, 2018
Sei qui: Home / S / SILENZIO DEL MARE (IL) - regia Raffaele Esposito

SILENZIO DEL MARE (IL) - regia Raffaele Esposito

"Il silenzio del mare", regia Raffaele Esposito. Foto Lucrezia Le Moli "Il silenzio del mare", regia Raffaele Esposito. Foto Lucrezia Le Moli

di Vercors
regia di Raffaele Esposito
con Raffaele Esposito, Roxana Doran, Thierry Toscan
luci di Luca Bronzo
collaboratore alla drammaturgia Francesco Bianchi
produzione Dondazione Teatro Due
al Teatro Due, Parma, 10 marzo 2018

www.Sipario.it, 27 marzo 2018

Raffaele Esposito, attore cresciuto alla scuola del Piccolo Teatro e di Luca Ronconi, è un artista che non si fa spaventare dalle scelte difficili. Così dopo The Brig dell'anno scorso — spettacolo denuncia sulla detenzione realizzato dal Living Theatre nel 1963 e riallestito da Fondazione Teatro Due di Parma — ora è alle prese con Il silenzio del mare, racconto-capolavoro di Vercors, testo simbolo sulla resistenza silenziosa. La storia è ambientata nella Francia occupata dai tedeschi. Un ufficiale nazista (Raffaele Esposito) si insedia nella casa di un vecchio (Thierry Toscan) e di sua nipote (Roxana Doran). Il rapporto è fatto di sguardi sospesi. I francesi oppongono all'ufficiale il loro silenzio che fa da muro alle parole del militare: un uomo colto, un compositore che si ritrova catapultato nella guerra sotto il segno della svastica. Il vecchio e la nipote oppongono al racconto del nazista un mutismo che si fa assordante, se messo in relazione con le parole dell'uomo raffinato, innamorato della Francia, di cui conosce la letteratura, di cui apprezza l'arte eppure tutto ciò non gli ha impedito di aderire al nazismo e soprattutto di lavorare e condividere l'occupazione del paese che tanto ama e alla fine il suo annientamento sotto il segno della svastica. Raffaele Esposito che firma la regia dello spettacolo per cui sceglie uno spazio ristretto in cui il pubblico è addosso agli attori ne percepisce i respiri ne può scrutare i minimi movimenti espressivi. La prossimità con gli attori diviene un motivo di coinvolgimento e di complicità emotiva che mette chi assiste sullo stesso piano di chi agisce. Il silenzio del mare procede per sfumature, per piccoli gesti, per sguardi indagatori, in tutto questo Raffaele Esposito è motore e bersaglio di un conflitto: quello che vede su fronti diversi i due francesi e il loro ospite inquietante, ma anche la raffinatezza di quel musicista innamorato della cultura francese che mal si addice alla barbarie che la divisa che indossa porta con sè. Il silenzio del mare è un lavoro che interroga e inquieta, un esempio di teatro da camera raffinato e curato che fa da stimolo, per chi non lo conoscesse, alla lettura di Vercors.

Nicola Arrigoni

Ultima modifica il Martedì, 27 Marzo 2018 20:00

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.