mercoledì, 26 aprile, 2017
Sei qui: Home / S / SPETTRI - regia Sebastian Hartmann

SPETTRI - regia Sebastian Hartmann

"Spettri" regia Sebastian Hartmann. Foto Arno Declair "Spettri" regia Sebastian Hartmann. Foto Arno Declair

liberamente tratto da August Strindberg / Henrik Ibsen / Heinrich Heine
regia e scena: Sebastian Hartmann
con: Edgar Eckert, Felix Goeser, Gabriele Heinz, Markwart Müller-Elmau, Linda Pöppel, Katrin Wichmann, Almut Zilcher
accompagnamento musicale: Ben Hartmann, Philipp Thimm
costumi: Adriana Braga Peretzki
video e luci: Rainer Casper
animazione video: Tilo Baumgärtel
suono: Martin Person
drammaturgia: Claus Caesar
Berlino, Deutsches Theater, dal 24 febbraio 2017

www.Sipario.it, 5 aprile 2017

Padri falliti, madri forti e volitive, figli inetti e malati: questa la popolazione di Spettri, la nuova messa in scena di Sebastian Hartmann al Deutsches Theater di Berlino. Lo spettacolo è frutto di un collage tra l'omonima opera del drammaturgo norvegese Henrik Ibsen, il dramma I padri del drammaturgo svedese August Strindberg e alcuni versi del poeta tedesco Heinrich Heine. Hartmann non ripropone gli intrecci dei drammi di Ibsen e Strindberg nella loro interezza, ma preferisce concentrarsi su alcune scene e soprattutto sul dipanarsi delle relazioni famigliari tra i personaggi. La prosa dei due drammaturghi scandinavi viene poi posta in relazione con i versi di Heine, in particolare con la poesia Deutschland. Ein Wintermärchen e il Libro dei canti.

Da Ibsen Hartmann trae la storia di un rapporto conflittuale tra madre e figlio che viene proposto in due varianti d'età. La madre non vuole ammettere a se stessa di vedere nel figlio una sorta di reincarnazione del defunto marito, un uomo infedele, dedito al bere e buono a nulla. Il figlio non vuole rassegnarsi ai tentativi della madre di estirpare i pallidi ricordi che ancora conserva del padre: affetto da una sorta di depressione che ne paralizza la produttività e la voglia di vivere e soffocato dai comportamenti della madre, il giovane non trova pace. La loro folle relazione è fatta di abbracci e baci intervallati da strattoni, spinte e botte. Dal dramma di Strindberg Hartmann estrapola invece il conflitto tra moglie e marito che non riescono a convenire sull'educazione della figlia. Per imporsi, la donna gioca una carta decisiva: insinua nel marito il sospetto che la figlia non sia sua, ma di un altro uomo. A questo punto l'uomo diventa folle.

Se in Ibsen e Strindberg viene messo a fuoco il passato personificato da padri fallimentari che riversano la propria inettitudine sui figli perseguitandoli come spettri, nei versi di Heine i fantasmi del passato sono di tutt'altra natura: l'io lirico esprime la propria nostalgia per le origini, per la patria, le proprie radici e dunque in un certo senso per "i padri". Il collage letterario proposto da Hartmann è tanto frammentario quanto affascinante. Sulla scena spoglia si avvicendano personaggi vestiti con abiti scuri di fine '800. Una rampa che conduce verso l'alto e al contempo verso il nulla rappresenta l'unico allestimento dello spettacolo. Servendosi di proiezioni luminose romantiche e spaventose allo stesso tempo, il regista riesce a creare un'atmosfera fantasmagorica e coinvolgente, forte anche dell'accompagnamento musicale di Linda Pöppel, Ben Hartmann e Philipp Thimm. E se da un lato le scene narrate ci sembrano anacronistiche o addirittura provenienti da un universo immaginario, dall'altro è inevitabile rendersi conto di quanto le problematiche famigliari siano realtà del nostro tempo.

Gloria Reményi

Ultima modifica il Sabato, 08 Aprile 2017 21:11

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

Twitter Feed

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.