domenica, 30 aprile, 2017
Sei qui: Home / R / RACCONTI AFRICANI DI SHAKESPEARE - regia Krzysztof Warlikowski

RACCONTI AFRICANI DI SHAKESPEARE - regia Krzysztof Warlikowski

Racconti Africani da Shakespeare Racconti Africani da Shakespeare Regia Krzysztof Warlikowski

da Otello, Il Mercante di Venezia, Re Lear di William Shakespeare, ?oul on Ice di Cleaver Eldrich e L'Estate di John Maxwell Coetzee
regia di Krzysztof Warlikowski; adattamento per il teatro di Krzysztof Warlikowski e Piotr Gruszczynski; drammaturgia di Piotr Gruszczynski, scene e costumi di Malgorzata Szczesniak; luci di Felice Ross; musica di Pawel Mykietyn; coreografia di Claude Bardouil; video di Kamil Polak
con Stanislawa Celinska, Ewa Dalkowska, Adam Ferency, Malgorzata Hajewska-Krzysztofik, Wojciech Kalarus, Marek Kalita, Zygmunt Malanowicz, Maja Ostaszewska, Piotr Polak, Jacek Poniedzialek, Magdalena Poplawsk
coproduzione Nowy Teatr, Varsavia, Théâtre del la Place, Liegi, Centre dramatique de la Communauté française - Centre européen de création théâtrale et chorégraphique, Prospero, Grand Théâtre de la Ville de Luxembourg, Théâtre National de Chaillot
Teatro Comunale Pavarotti di Modena, il 20 ottobre 2011

www.Sipario.it, 11 novembre 2011
Shakespeare nostro contemporaneo è quello di Racconti africani da Shakespeare del regista Krysztof Warlikowski, uno di quegli spettacoli che dimostra ancora una volta – se ce ne fosse bisogno – la grandezza della scuola teatrale dell'Est Europa, ma soprattutto la capacità di artisti come Warlikowski di costruire rappresentazioni di mondi, di interrogarsi sulle grandi tematiche dell'esistenza: l'amore, la morte, il sesso, il denaro, la malattia, la vecchiaia. Il regista polacco o i suoi strepitosi e impeccabili attori realizzano un intreccio di storie sospese fra la vita e la morte per voce di Otello, Il Mercante di Venezia, Re Lear, intrecciate a testi contemporanei come ?oul on Ice di Cleaver Eldrich e L'Estate di John Maxwell Coetzee. Al di là dei riferimenti testuali, la drammaturgia di Racconti africani da Shakespeare – firmata da Krzysztof Warlikowski e Piotr Gruszczynski – è corpo che scotta, sono amori che si sfidano, sono relazioni poste su un tavolo operatorio, è chirurgia dell'anima e dei legami d'amore fra i sessi. Otello il negro, Lear il vecchio, Shylock, l'ebreo sono simboli di esclusione, simboli della diversità che incute paura e affascina, simboli dell'altro che è parte di noi. Shylock è un macellaio che taglia la carne, sul suo tavolo di lavoro si consumano gli amori e si consuma la sua condanna, si esplicita l'amore di Bassanio per Antonio, Porzia appare come un puro presto giocoso, ma in quel gioco in palio c'è il senso di giustizia. Otello è bellissimo con la sua negritudine finta, l'amore fra il negro e Desdemona si compie su un tavolo che è quello della macelleria di Shylock ma è anche un tavolo da sala operatoria o da obitorio. Straziante è il monologo di una Desdemona dei nostri giorni, riscritto dall'autore sudafricano Wajdi Mouawad: «L'amore cammina sopra il baratro. Nessuna mano amica. Una sconfitta. La stufa in cui bruciano le lettere. Ho solo la cenere per comporre le parole. Ti parlo con le parole tessute con il pulviscolo. La nostalgia dell'alfabeto perduto. Sei un cane, un cane. Non hai di che avere paura. Nessuno può sterminare il guaito». E ancora in chiusura di cinque ore di intenso spettacolo lo scrittore sudafricano ingaggiato da Krzysztof Warlikowski fa dire a Cordelia (Lear è il terzo riferimento shakespariano): «Di noi rimarranno solo brandelli: felicita, amore, attacchi di rabbia, alcune parole consunte, alcune narrazioni sepolte – bellissimo palinsesto, dal quale nasceranno i nuovi dei, per portare consolazione a ogni brandello. Sarà il momento d'innocenza. Ci sarà il risveglio. Ci sarà la festa! Uomini e donne festeggeranno ignari di cosa sia la preoccupazione. Festeggeranno per noi, che non abbiamo saputo festeggiare. Ripeteranno i nostri nomi. Ricorderanno i nostri corpi e la loro gioia sarà il nostro unico sepolcro». E non ci si può che commuovere! I personaggi, le storie, lo spazio sono in un altrove che è vita sospesa o morte agita, c'è la sensazione di una fine imminente eppure c'è la voglia di non perdersi via, di non buttarsi via. In Racconti africani da Shakespeare c'è la violenza del padre sulla figlia, c'è il sesso come completamento dell'anima, c'è la gelosia che acceca, c'è l'amore omosessuale, in una sola parola c'è la vita e la voglia di viverla fino in fondo, anche nel freddo di un obitorio, anche col dolore nel cuore. Strepitoso capolavoro che è un inno all'intelligenza e all'unicità del teatro che sa farsi pensiero del e sul mondo.

Nicola Arrigoni

Ultima modifica il Lunedì, 23 Settembre 2013 05:19

Articoli correlati (da tag)

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

Twitter Feed

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.