domenica, 26 marzo, 2017
Sei qui: Home / R / RACCONTI DI GIUGNO - regia Pippo Delbono

RACCONTI DI GIUGNO - regia Pippo Delbono

Racconti di giugno Racconti di giugno Regia Pippo Delbono

di e con Pippo Delbono
Compagnia Pippo Delbono
Piacenza, Palazzo Farnese (Festival Il Cavaliere azzurro)
Macerata, 25 novembre 2008

www.Sipario.it, 25 marzo 2009
www.Sipario.it, 2007

Debutta a Roma nel giugno 2005 e delle coincidenze del mese si nutre, dalla nascita del regista alla morte del padre, dalla partenza per gli anni della gavetta in Grecia all'interrogazione con l'omonima professoressa del liceo che lo rimanda a settembre.
“Non dite a mia mamma che faccio il pubblicitario, lei mi crede pianista in un bordello” è il saggio autobiografico con cui nel 1986 il francese Jacques Sèguéla rivela la sua vita professionale e personale.
Da allora, l'ironica allusione al segreto filiale è stato ripreso da molti. Qui va in scena nel patto di solidarietà che Delbono chiede sussurrando ai presenti. Scelte sessuali, spirituali e malattie non rivelabili.
Il resto invece è in pasto agli spettatori, tutto è pubblico, non esiste più la distinzione di Goffman tra ribalta e retroscena, vita e carriera si fondono, il palco diventa quello 'spazio intermedio' citato da Meyrowitz dove confessione e messa in scena si rimandano continuamente, sottolineati da musiche ritmanti, parole e gesti vicendevolmente si compiono.
Pochi, a dir il vero, i movimenti teatrali per un autore che ci aveva invece abituato a spettacoli corali di sapore felliniano come “Urlo”. Ma il linguaggio del suo corpo è monolitico, pesante come un masso, si ferma sulla bocca dello stomaco. Come il saluto dell'amante morente oppure il ballo, da terra, portato avanti a fatica, tra strattoni e volitivi fremiti, ricordando l'apice della malattia. E sono continue le citazioni autobiografiche (“teatrografiche”, come sembra apprendersi dal sito della Compagnia), reiterati spettacoli nello spettacolo: dagli esordi con “Il tempo degli assassini” a “Morire di musica” nel periodo degli attentati sandinisti, dalla rabbia irriducibile e mesta dell''Enrico V” all'omaggio a Sarah Kane in “Gente di Plastica”, e così via, a ripercorrere una carriera, a scandire un'esistenza.
Chi sul palco vede un attore alle prese con il suo intimo si sbaglia. Non è una confessione sussurrata, come si diceva, sussurrato è solamente il non detto e il non dicibile. È solo l'uomo che narra. Con Delbono c'è il suo pubblico, che in fronte a lui lo osserva attonito e partecipe. Al suo fianco, in regia, il fidato amico di una vita, Pepe Robledo, sfuggito ai tempi alla repressione argentina. Ma soprattutto alle sue spalle, i tanti personaggi della sua vita, privata e pubblica. Da Arafat alla regina d'Olanda, dai genitori ferventi cattolici all'insegnante di psicodramma, da Pasolini a Rimbaud, dai medici ai passanti in strada, dalla “maledetta” predestinata presenza dell'amante a quella salvifica e purificatrice di Bobo, sordomuto rapito dalla prigionia a vita al manicomio di Aversa, che infine su quel palcoscenico sale e raccoglie il meritato plauso della platea.
Il teatro come salvezza, la vita come arte. Una metempsicosi artistica, che consente al pubblico di simpatizzare (nel significato originario del termine reco di “patire con”), di immedesimarsi nel racconto dell'attore, nel suo pian ere come nel suo urlare, nei suoi gesti dolci e nei suoi sussulti, così da infine finalmente sciogliersi in un applauso liberatorio, scrosciante e prolungato. In scena, ormai messo a nudo, quel 'corpo pneumatico' di platonica memoria, ha come l'anima la capacità cognitiva di cogliere la vera essenza delle cose e rendersi immortale. In una catarsi salvifica, tanto per l'autore quanto per lo spettatore.
Dopo la tappa del 25 novembre 2008 a Macerata, “Racconti di giugno” di Pippo Delbono sarà presto a Losanna, Liegi e Bruxelles, dopo essersi già fatto applaudire in giro per l'Europa, da Londra a Parigi, da Santarcangelo dei Teatri al Festival di Avignone. “Racconti di giugno” è o i anche un libro delle edizioni Garzanti.

Sanzia Milesi

Una sedia e Pippo Delbono, una bottiglia d’acqua e nient’altro eppure Racconti di giugno è un monologo straziante, vero, emozionante. Pippo Delbono in Racconti di giugno si mette a nudo, racconta di sé, del suo incontro con Pepe Robledo, della sua vocazione al teatro, della malattia, della depressione e della bellezza della vita incarnata nell’incontro con Bobò. Due ore o poco più di racconto che lasciano senza fiato, commuovono, divertono, conquistano. Pippo Delbono non ha nulla in scena se non sé stesso e la capacità di evocare i suoi spettacoli: Enrico V, La Rabbia, Gente di plastica, Barboni, l’Urlo, ma anche le sue gioie, i suoi dolori, le sue paure, in una parola: la sua vita Razionalmente verrebbe voglia di dire:«Furbo Pippo Delbono ha abilmente antologizzato il suo teatro, proponendo uno spettacolo da one man show». Ma l’analisi razionale di una collazione di testi e situazioni non regge alla forza emotiva che regala racconti di giugno. E’ pur vero nel monologo/confessione di delbono c’è il meglio dell’attore, ma alla fine per quanto si riconoscano le situazioni e le citazioni ciò che realizza Delbono è un testo a se stante che nulla ha del riciclo, che nulla ha dell’operazione furbesca. Anzi. Come nella tradizione della letteratura classica la collazione di testi e la variatio sono le due azioni che Pippo Delbono mette in atto per dare corpo – nel senso metaforico e reale del termine – ad un suo diario intimo, ad un viaggio esistenziale che impudicamente mostra e condivide con la platea. Alla fine anche le citazioni degli spettacoli acquistano un loro naturale e necessitante nuovo significato, autonomo rispetto all’originale, funzionale alla confessione di Pippo Delbono e della sua anima. In Racconti di giugno il pubblico è suo complice, è l’amico fidato che ascolta e partecipa ai dolori e alle gioie della nostra vita. E’ questo che fa Pippo Delbono, instaurare un dialogo con i suoi spettatori, si mette a nudo, invita a una conversazione confidenziale in cui l’ebbrezza dell’amore, la forza del dolore, la condanna della malattia e l’incontro di una nuova umanità sono i tasselli di un amare, morire e rinascere a vita nuova che lasciano senza fiato e portano il pubblico a respirare con Delbono e a non svelare alla mamma dell’attore due piccoli segreti che ci confida quasi sussurrandoli nell’orecchio. Con Racconti di giugno Pippo Delbono fa un altro piccolo miracolo del teatro e dà conto della forza e necessità di un’arte – l’unica – che chiama a vis à vis due uomini: uno che racconta e l’altro che ascolta, entrambi rapiti e coinvolti dalle parole e dalla voglia di essere meno soli nell’affrontare il mondo.

Nicola Arrigoni

Ultima modifica il Giovedì, 24 Ottobre 2013 07:07

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

Twitter Feed

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.