mercoledì, 12 dicembre, 2018
Sei qui: Home / Q / QUESTA SONO IO - regia Alessandro Castellucci

QUESTA SONO IO - regia Alessandro Castellucci

"Questa sono io" - regia Alessandro Castellucci "Questa sono io" - regia Alessandro Castellucci

da un romanzo di Federico Guerri
adattamento teatrale di Corrado d'Elia
regia Alessandro Castellucci
assistente alla regia Arianna Aragno
con Monica Faggiani
scene Andrea Finizio
luci Alessandro Tinelli
produzione Teatro Libero
Prima Nazionale
Milano, Teatro Libero dall'1 al 15 Luglio 2015

www.Sipario.it, 20 luglio 2015

La versione di Laura
Quante anime si celano in Laura Prete? Che tipo di donna si nasconde dietro alla vergine vestale, o nel profondo della venditrice di baci o soubrette televisiva, testimonial ufficiale del vuoto pneumatico?
La ragazza pronta ad accettare ogni compromesso e ad andare fino in fondo? Oppure la fredda stratega dalla lucida dall'intelligenza, mossa da un primordiale istinto di vendetta? Dal thriller provocatorio e dark di Federico Guerri nasce una delle produzioni teatrali più incisive e originali degli ultimi anni. Dalla perdita dell'innocenza alla conquista del ruolo di carnefice.
"Questa sono io" è un progetto adattato e curato da Corrado d'Elia; mirabilmente concretizzato nella regia intensa di Alessandro Castellucci e interpretato magistralmente da una Monica Faggiani misteriosa e pronta a colpire il pubblico con la spietata precisione di una stilettata nel cuore.

In principio era il vuoto
Incipit di una storia crudele che parte dall'epilogo. Dalla situazione stranota del solito e fatuo talk show sulla vita della stellina di turno ha origine uno dei monologhi più laceranti e dolenti mai scritti.
"La vita è qui, ora" e Laura sceglie di seguire le proprie ambizioni. Tono e parole dell'intervista sono banali: la tipica favola della bella ragazza di provincia raccontata, con tono ingenuo e incredulo nel ripercorrere le tappe di una vita culminata col successo televisivo e la ricchezza.
Non mancano i commenti musicali in tono, le domande pilotate e i contributi kitch del filosofo di turno. D'improvviso risuona nello studio, secca e potente, la deflagrazione di un colpo di pistola.
Si spezza l'illusione e si squarcia il velo sulla realtà: sui veri rapporti con il senatore Tiberio Ricci, sulle orge in stile "eyes wide shut", sulla perdita dell'innocenza e le mille fantasie maschili assecondate nel corso degli anni.
Parole di fuoco. "Questa sono io" ... è l'ammissione dei mille compromessi accettati e condivisi per raggiungere gli obbiettivi e corrispondere all'ideale maschile egualmente diviso fra purezza e depravazione.
Struttura ad incastro per un monologo che sa svelare, con tecnica sublime, la vera identità del mistero chiamato Laura Prete. Icona e portavoce di una generazione di ragazze sbandate e prive di etica.
Proprio quando si pensa, erroneamente, di aver colto il nocciolo del testo ecco squarciarsi, per un'ultima volta il velo! Il serpente ha cambiato pelle un'altra volta ed ecco comparire la "Terza Laura": lucida stratega quanto spietata vendicatrice dell'innocenza perduta.
"Questa sono io" ... diventa allora la rivendicazione di un ego ingabbiato: costretta fra l'obbligo di mostrarsi compiacente e l'istinto di compiere il colpo d'ala e sollevarsi sopra le debolezze e le miserie che la circondano.
Monica Faggiani si rivela estremamente credibile nella descrizione della soubrette vuota e compiacente; prostituta lucidamente masochista nell'accettare le molestie ed i ruoli imposti dal sistema; ed infinitamente inquietante e disumanizzata nell'evoluzione finale.
La citazione dall'Otello è la chiosa perfetta per chiudere la confessione di un essere destinato alla "dannazione".
La scena in evoluzione
La scena e l'illuminotecnica, in costante itinere, sono a cura Andrea Finizio e Alessandro Tinelli. Una struttura complessa e arricchita da installazioni video che palesano, sul piano iconografico, lo sguardo sull'abisso e le metamorfosi interiori di Laura Prete.
L'intervento della criminologa Cinzia Mammoliti, al termine dello spettacolo, ha avuto il grande pregio di arricchire la serata con commenti e riflessione originali. Un modo per stemperare la tensione e le intense emozioni suscitate da uno scenario lancinante e avvolgente.

Francesca Bastoni

Ultima modifica il Domenica, 02 Agosto 2015 22:11

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.