sabato, 20 ottobre, 2018
Sei qui: Home / Q / QUASIDO - regia Salvo Ciaramidaro

QUASIDO - regia Salvo Ciaramidaro

Quasido Quasido Regia Salvo Ciaramidaro

Autore: Claudio Forti
Regia: Salvo Ciaramidaro
Compagnia/Produzione: Associazione Teatron di Marsala
Cast: Diana D'Angelo
Cine Teatro Lumière di Ragusa, 8 marzo 2013

www.Sipario.it, 9 marzo 2013

"Quasido" di Claudio Forti al Lumière di Ragusa
In seno alla rassegna "Palchi Diversi" della Compagnia G.O.D.O.T

Una metafora della vita, della situazione politica, sociale e culturale del mondo di oggi "Quasido", lo spettacolo che abbiamo visto al Cinema Lumière, in seno alla rassegna "Palchi diversi" della Compagnia G.O.D.O.T. La regia è di Salvo Ciaramidaro, che ha messo in scena uno straordinario testo di Claudio Forti, sul come una nota "si" ambisce a diventare un "do" per tutta la vita, sin dalla sua adolescenza, passando attraverso diverse situazioni musicali, dal rock, al jazz, alla lirica, alla musica classica. La ricerca della sua ambizione principale non è facile, non è raggiungibile. Intensa l'attrice, Diana D'Angelo che, in un monologo eccezionale, personifica la nota passando, attraverso diverse esperienze, dal Movimento di emancipazione, al Sindacato, all'urlare la sua condizione di sottomissione, sino alla corruzione dei potenti che le offrono la possibilità di diventare un "do", attraverso il ricatto e la corruzione. Ma il "si" preferirà non accettare la proposta vantaggiosa, per una questione di dignità personale. Il mondo delle note si rapporta con quello umano del pubblico, visto satiricamente come il puro, vero e incorruttibile.
Brava, grottesca e forte sulla scena la D'Angelo, che ha saputo interpretare in modo pregnante l'insofferente, capricciosa, combattiva nota, come quelle donne che lottano per raggiungere un traguardo, a cui non si dà lo spazio necessario nella vita.
Il linguaggio musicale, i termini usati rendono il messaggio intenso e significativo, in una interessante scenografia, rappresentata da uno spartito con le note, la chiave di violino e così via. Il regista ha saputo rendere questo testo "surreale", realistico e comunicativo con il pubblico. Diversi gli applausi a scena aperta. Inoltre, il pubblico ha partecipato a quel gioco delle parti messo in essere da un testo singolare, scritto da chi, come Claudio Forti, è un autore, ma anche un fine conoscitore della musica. La messa in scena è stata intramezzata da bellissime musiche, che l'hanno resa fruibile e lieve.

Rosanna Bocchieri

Ultima modifica il Domenica, 11 Agosto 2013 07:44

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.