sabato, 23 settembre, 2017
Sei qui: Home / P / PAGA DEL SABATO (LA) - regia Alessandro Varrucciu

PAGA DEL SABATO (LA) - regia Alessandro Varrucciu

"La paga del sabato" - regia di Alessandro Varrucciu "La paga del sabato" - regia di Alessandro Varrucciu

da Beppe Fenoglio
regia di Alessandro Varrucciu
Con Alessandro Varrucciu, Francesca Uguzzoni, Silvia Uguzzoni
E con gli Onafifetti: Giovanni Filosa, Piergiorgio Memè e Mario Sardella
Jesi, Teatro Pergolesi, 28 marzo 2014

www.Sipario.it, 1 aprile 2014

Dopo la prova estiva al Teatro Cortesi di Sirolo nell'agosto scorso, è andato in scena venerdì 28 marzo La paga del sabato, l'adattamento teatrale dal primo romanzo di Beppe Fenoglio curato da Diremare teatro e prodotto dal Centro Studi Calamandrei di Jesi. Di fronte a un teatro Pergolesi da tutto esaurito e con ospite d'onore la sorella dell'autore di Alba, Marisa Fenoglio, la drammaturgia proposta da Alessandro Varrucciu ha puntato molto sulla parola diretta dello scrittore partigiano, concedendo ampi spazi alla narrazione in terza persona. Ma se la scelta era giustificata ad agosto, quando lo spettacolo era stato proposto in forma di lettura teatrale, l'intento di voler restituire la parola "spigolosa, arcaica e musicale" di Fenoglio lasciando parlare direttamente lo scrittore ha finito con il confondere lo spettatore. Il risultato è stato uno spettacolo un po' scollato, come se, pensato per il teatro, guardasse piuttosto al cinema. Varrucciu ha appiattito le contraddizioni che consumano il protagonista Ettore, scegliendo di modellarlo sull'uomo che non trova pace e vuole fare a cazzotti col mondo e finendo, forse, per sminuirlo. I menestrelli jesini Piergiorgio Memè, Giovanni Filosa e Mario Sardella, gli Onafifetti, hanno dominato il palcoscenico con i vecchi canti partigiani rispolverati per l'occasione e cancellato i discutibili momenti musicali, non sempre intonati al resto dello spettacolo. Al forfait di Lidia Ravera, trattenuta a Roma da impegni imprevisti, ha rimediato Angelo D'Orsi, con una breve introduzione sull'atmosfera intellettuale della Torino colta e antifascista del dopoguerra. Gli applausi non sono comunque mancati: attori e menestrelli sono stati richiamati in sala per due volte.

Silvia Barocci

Ultima modifica il Martedì, 01 Aprile 2014 10:07

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

Twitter Feed

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.