venerdì, 22 settembre, 2017
Sei qui: Home / P / PADRE DELLA SPOSA (IL) - regia Marco Parodi

PADRE DELLA SPOSA (IL) - regia Marco Parodi

Il padre della sposa Il padre della sposa Regia Marco Parodi

di Carolyne Franche
adattamento: Gustavo Verde
regia: Marco Parodi
con Gino Riveccio, Corinne Clery e la partecipazione di Milly Falsino
Napoli, Teatro Diana, dal 30 marzo al 17 aprile 2011

Il Mattino, 2 aprile 2011
Rivieccio padre della sposa porta Minnelli al cabaret

«Il padre della sposa», tratta dall'omonimo film diretto nel '50 da Vincente Minnelli, è una commediola sentimentale ormai piuttosto datata. Parla di un genitore che non accetta di «cedere» la figlia a un genero quando, oggi, il problema dei padri e delle madri è semmai che i loro rampolli di andarsene di casa non ne vogliono sapere. E allora Gino Rivieccio, che ne è protagonista al Diana, l'affronta nell'unico modo possibile e, del resto, preventivabile: cucendosene letteralmente addosso la trama e i contenuti. Rispetto al testo di Caroline Francke, adattato da Mario Scaletta e «personalizzato» da Gustavo Verde, Rivieccio si cala dunque nel ruolo di Giovanni, un dentista manco a dirlo napoletano e coniugato con Michelle, manco a dirlo francese perché ad interpretare il ruolo, anch'esso letteralmente cucitole addosso, è Corinne Clery. Di conseguenza, al posto del Dry Martini di Minnelli (la garbata ironia esercitata sulle abitudini della famiglia media americana e le manie legate, appunto, ai preparativi per il matrimonio), qui viene offerto il robusto cocktail seguente: due terzi abbondanti di cabaret, un terzo di farsa (con tutti gl'ingredienti del genere, a partire dallo scambio delle parole) e una spruzzata di frecciatine all'attualità, il tutto agitato al ritmo di gag e lazzi occhieggianti ai più accorsati varietà e avanspettacolo. Così, con gli alti e bassi del caso, si naviga, poniamo, fra battute come «La prima causa di divorzio è il matrimonio» e dialoghi come: Michelle: «Come stanno i miei capelli?» - Giovanni: «Sarkozy-kozy», fra un traffico «allucinogeno» al posto del traffico allucinante e un «pirla» di marito al posto della perla di marito. E non mancano né il coordinatore di matrimoni checca né l'uso della lampada stroboscopica per ottenere, giusto, l'accelerazione da comica finale. Il meglio viene, s'intende, con la specialità di Gino, i monologhi iperbolico-surreali: vedi la telefonata negli States condita con i vari Gelmini e Marchionne. Fra gli altri, diretti con mestiere da Marco Parodi, spicca una godibilissima Milly Falsini (Costanza). Alla «prima» molte risate e confetti per tutti all'uscita.

Enrico Fiore

Ultima modifica il Martedì, 24 Settembre 2013 05:34

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

Twitter Feed

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.