mercoledì, 21 novembre, 2018
Sei qui: Home / P / POVERI MA BELLI - regia Massimo Ranieri

POVERI MA BELLI - regia Massimo Ranieri

Poveri ma belli Poveri ma belli Regia Massimo Ranieri

Con Bianca Guaccero, Antonello Angiolillo e Michele Carfora
Un'idea di Pietro Garinei e Guido Lombardo
Progetto artistico Enzo Garinei, Scritto da Massimiliano Bruno e Edoardo Falcone
Musiche Gianni Togni, Coreografie Franco Miseria, Scene Marco Calzavara, Costumi di Giovanni Ciacci
Disegno luci Maurizio Fabretti
Regia Massimo Ranieri
Produzione Il Sistina e Titanus 2009

Giornale di Sicilia, 13 febbraio 2009

MESSINA (gi.gi.).- Perché agli italiani piace il musical? Forse perché hanno i cromosomi canterini e ballerini o forse perché il genere, essendo praticato da personaggi noti in televisione, è un continuum del mezzo catodico. Forse perché, al pari d’una droga, riesce a tenere tranquilli adulti e ragazzi o forse perché rifuggendo da ogni intellettualismo riesce ad essere comprensibile a chicchessia. Forse perché è una reminiscenza dell’antica rivista e voyeuristicamente è attratto oltre che dalle scene costumi e luci anche dalle fattezze fisiche delle ballerine. Chissà ancora cosa frulla nella loro capoccia. Fatto è che generalmente lo spettacolo musicale attrae una grande quantità di spettatori, è molto gradito da chi dirige un teatro pubblico o privato e spesso riesce ad essere un campione d’incassi. E di questi tempi, con i tagli decretati dal nostro governo allo Spettacolo (meno 100 milioni di Euro per l’anno in corso), certamente non nuoce, anzi è una boccata d’ossigeno. Esempio è questo Poveri ma belli, all’origine un film del 1956 di Dino Risi, che ha fatto tappa in un affollato Vittorio Emanuele (dove vi resterà sino a domenica pomeriggio) salutato con molti applausi ad ogni epilogo di canto o di danza: poi circuiterà in  varie città siciliane e sarà al Massimo di Palermo dal 19 febbraio al 1° marzo. Il testo del musical, che dura due ore e mezza, è stato scritto dalle quattro mani di Massimiliano Bruno e Edoardo Falcone, le coreografie banalotte sono di Franco Miseria, le scene funzionali con ponticello, quinte mobili e fondali multicolori di Marco Calzavara, i costumi color pastello di Giovanni Ciacci, mentre la regia soporifera è di Massimo Ranieri. Al centro della storia trasteverina ci sono due bulletti romani, Romolo e Salvatore (quelli interpretati nel film da Maurizio Arena e Renato Salvatori e qui vestiti da Michele Carfora e Antonello Angiolillo) spacconi e attaccabrighe, ma in fondo di buon cuore che litigano per l’amore di Giovanna ( Bianca Guaccero ricopre il ruolo che fu di Marisa Allasio, il cui manifesto del suo lato B pare sia stato censurato a quel tempo su segnalazione di papa Pio XII) e finiranno per fidanzarsi l’uno con la sorella dell’altro, rispettivamente la Marisa di Emy Bergamo e l’Annamaria di Francesca Colapietro che fanno rimpiangere Alessandra Panaro e Lorella De Luca.

Gigi Giacobbe

Ultima modifica il Martedì, 24 Settembre 2013 15:07

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.