giovedì, 19 luglio, 2018
Sei qui: Home / P / PPP ULTIMO INVENTARIO PRIMA DI LIQUIDAZIONE - regia Stefano Ricci

PPP ULTIMO INVENTARIO PRIMA DI LIQUIDAZIONE - regia Stefano Ricci

"PPP Ultimo inventario prima di liquidazione", regia Stefano Ricci. Foto Piero Tauro "PPP Ultimo inventario prima di liquidazione", regia Stefano Ricci. Foto Piero Tauro

di ricci/forte

drammaturgia ricci/forte

regia Stefano Ricci

con Capucine Ferry, Emilie Flamant, Anna Gualdo, Liliana Laera, Giuseppe Sartori, Catarina Vieira

scene Francesco Ghisu

movimenti Francesco Manetti

costumi Gianluca Falaschi

ambiente sonoro Andrea Cera

assistente alla regia Ramona Genna

direzione tecnica Alfredo Sebastiano

Produzione CSS Teatro stabile di Innovazione del Friuli Venezia Giulia
in coproduzione con Festival delle Colline Torinesi  
Teatro Argentina di Roma dal 14 al 18 giugno 2016

da ottobre in tournée

www.Sipario.it, 22 giugno 2016

Avevamo intercettato il teatro di Ricci e Forte, l'ultima volta, in occasione di una performance, "Still life", denunciante temi, violenze, luoghi comuni che sono i sintomi della più feroce omofobia in circolo per il paese. Spettacolo- quello- "sussultorio, temerario, plausibilmente aggressivo" (annotavamo), misturato ad un linguaggio scenico di solo apparente improvvisazione:  snodata, slegata, sbalzante tra happening, performance e 'libro bianco' (documentato, esternato a voce alta) sulle vittime dell'intolleranza e dello stalking – per qualsiasi sesso e latitudine.- con al centro una sorta di 'genetiana' cerimonia  che era ferale, solidale, orgoglioso omaggio ad un adolescente romano (Davide) indotto al suicidio per atti di bullismo.
Con analoghi argomenti- ed istanze- ritroviamo la compagnia dei due ex autori televisivi (ridotta di quasi tutti i componenti maschili) in questo scarno ricordo di Pier Paolo Pasolini, la cui cifra espressiva è, inaspettatamente, la sobrietà del gesto e il recupero (icastico) di un teatro di parola che, alle accensioni drammaturgiche di Ricci e Forte (il primo anche regista), interseca brani sparsi, poetici, talvolta ermetici (per una 'prosa civile'che allude, in 'canone'  di prima stesura, tutta da decifrare, all'Italia di Cefis e del perenne innesto malaffare-politica-che-lo-rappresenta) di una traslata autobiografia accusatoria, qui affidata alla presenza monologante di un attore coraggiosissimo (Giuseppe Sartori), ma  temo assai  giovane ed alquanto acerbo rispetto alla 'gravità' del personaggio che gli pesa addosso.
Schivandone tuttavia ogni tentativo di emulazione, imitazione, somiglianza fisica, ed essendo l'inventario scenico, la quintessenza di un 'oratorio lirico-esistenziale', di una spasmodica ricerca del 'diverso' e di 'se stesso' (il Pasolini uomo di periferie sconfinate,  insofferente alle convenzioni, ai rituali diplomatici e di 'ruolo sociale',  ancor prima che scrittore scomodo, corsaro, non compromissibile) che si dispiega nello spoglio scenario (onirico?reale?) di un lercio deposito di gomme usate, pneumatici in disuso intinti nel bianco selciato di una remota landa di spiaggia ove –già sappiamo- Pasolini venne fatto fuori  in una notte di novembre 1975.
In una ritualità teatrale che non fa mistero di alcuni debiti espositivi mutuati da  Antonio Latella (che cesella, in genere, una scrittura scenica più sperticata, 'urlata', a tasselli sparsi), cui potremmo accostare anche un'Emma Dante prosciugata (però) di dialettalità e colori accesi, Ricci e Forte alimentano uno spettacolo "mirante" al proscenio, all'allineamento orizzontale di parole ed attori, servendosi della sonorità (cupa, roboante, minacciosa come stridore di lamiere) che 'avvertiamo' incombere su noi tutti, ma che mai si materializza in oggetti o strumenti di riconoscibile perniciosità. Tanto che la 'solitudine' del poeta, ad un passo dalla fine, si anima di inattese creature femminili, pimpanti e tracotanti come 'signorine' o 'sorelle' dei ragazzi di vita che furono complici, compagni, inconsapevoli aguzzini di un uomo, friulano nell'anima, cui la città di Roma restò per sempre un oscuro, seducente mistero, non diverso da quel ventre materno cui si rifugge (da adulti)  per serbarne, talvolta, nostalgia di pertugio non confessabile.
Ragazze di ogni tipo e provenienza che appaiono – almeno a noi- la Nausica di un itinerario terreno di fatto già segnato e in via di epilogo (emotivamente intenso lo squarcio di crudeltà, in cui le gomme d'auto si fanno contundenti oggetti di stupro collettivo): quasi Supplici sorgive e 'selvatiche' nel loro amabile schernire, provocare, cadenzare sensuali  rumba e  cha cha cha, istigare il protagonista ad un ballo della tarantola dove l'emulsione dei gusti e dei dati anagrafici potrebbe (anche) sciogliersi in dionisiaci  abbandoni di pregiudizi e fobie. Per una "con\fusione" di corpi e di sensi che ovviamente non avrà luogo, poiché l'iniziazione al 'sacrificio estremo' è già nell'aria e, in un modo o nell'altro, tutto sarà compiuto: non secondo destino, ma in ottemperanza ai mandanti di questa terra. In un baleno di scena o sequenza che meno plateale non potrebbe (felicemente) essere.
Avrà, Pasolini, altre "vite future" cui alludeva il titolo di un'iniziativa di qualche anno fa? A noi piace pensare di si. Dando doppio significato all'esplicita (amabilmente ambigua) diapositiva finale con cui, in fondo scena, si proietta la parola "Orlando", memorandum delle recenti vittime della strage americana. "Orlando" resta però anche il titolo del più famoso romanzo di Virginia Woolf al cui in invecchiabile protagonista sono concessi secoli e secoli di vita trasmissibile di corpo in corpo, di epoca in epoca, di gender in gender.  Fosse permesso a Pasolini nella sua già raggiunta "luna di cicale  e di sperma"...

Angelo Pizzuto

Ultima modifica il Giovedì, 23 Giugno 2016 05:09

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.