giovedì, 22 agosto, 2019
Sei qui: Home / N / NOTTE BIANCA (UNA) - regia Gabriele Pignotta

NOTTE BIANCA (UNA) - regia Gabriele Pignotta

Una notte bianca Una notte bianca Regia Gabriele Pignotta

commedia scritta diretta ed interpretata da Gabriele Pignotta
con Fabio Avaro e Veruska Rossi
Roma, Teatro Manzoni, dal 18 al 30 settembre 2007

Il Giornale, 2 ottobre 2007
Il Messaggero, 29 settembre 2007
Speranze, paure e sogni di tre ragazzi in ascensore

La drammaturgia italiana contemporanea è la grande assente dai nostri palcoscenici, ma le poche volte che riesce a essere rappresentata risulta spesso di qualità mediocre. Dominano commediole di matrice televisiva, testi banalmente generazionali, pièces di taglio più propagandistico che politico. Paradossalmente le opere più innovative riescono raramente ad arrivare alla messinscena. D'altra parte, attori e registi, a differenza degli altri paesi europei, non rischiano mai su questa drammaturgia, preferendo dedicarsi ai classici. In questa situazione, i giovani autori, se vogliono essere rappresentati, devono contare sulle proprie forze.
Le loro commedie sono autoprodotte con pochissimi mezzi e talvolta in messinscene improvvisate. Esistono, tuttavia, eccezioni a questa regola. È il caso di Una notte bianca di Gabriele Pignotta, in scena al Teatro Manzoni di Roma e poi in tournée, che è nata, prima di giungere a un teatro importante come il Manzoni, in un teatrino romano dove, con il tempo, è stata scoperta fino a diventare uno spettacolo cult. L'idea dell'autore, che ne è anche regista e interprete, era di scrivere una commedia divertente sulla Notte Bianca romana del 27 settembre 2003, ancora oggi ricordata per un micidiale blackout, aggravato da un tremendo nubifragio. Che cosa succede quando si trovano prigionieri in un ascensore tre giovani che non si sono mai visti prima? Uno è un trentenne, studente a vita e che ancora sta a casa con i genitori, l'altra è una ragazza frustrata dal suo lavoro di segretaria mentre si è brillantemente laureata in architettura. Il terzo è un giovanotto di condizione modesta, che porta pizze a domicilio. Pignotta sfrutta tutte le possibilità umoristiche e comiche degli sforzi per uscire dalla loro prigione, ma poi ha il merito di passare dalla commedia di situazione alla commedia di costume.
I tre personaggi, inizialmente solo pedine di un gioco teatrale, si rivelano a poco a poco esemplari della situazione esistenziale di tanti trentenni, con i loro ideali, le difficoltà di trovare un lavoro, la paura del futuro ma anche la voglia di andare avanti e di battersi. L'autore li rappresenta con una verità umana rara in queste commedie generazionali e in dialoghi mai prevedibili e mai volgari. Il merito del successo è anche nell'affiatamento dei tre interpreti, lo stesso Pignotta nei panni dello studente a vita, Veruska Rossi in quelli della segretaria-architetta e Fabio Avaro, un ragazzone che ha capito forse più di tutti come va il mondo.

Giovanni Antonucci

Roma, 27 settembre 2003. Prima Notte Bianca per la Capitale, che reagisce alla sfida partecipando in massa e riempiendo strade e vicoli. Lo stesso entusiasmo continua ad animare la cittadinanza quando alle tre e mezza tutto si spegne. Black out. Cosa facevate in quel momento? Tre ragazzi, in un condominio della Garbatella, rincasano. Stanno salendo in ascensore, quando... Stop.
Gabriele Pignotta ha scritto nelle ore immediatamente successive il testo di una pièce che da quattro anni gira nelle sale, e che racconta quello che succede se tre sconosciuti sono costretti a trascorrere quattro ore in uno spazio angusto. E allora mica puoi solo parlare del tempo, come quando fai un paio di piani col vicino. Cominci a parlare di te. Prima di tutto le fobie, In una situazione così claustrofobica non se ne può prescindere. E poi, a salire, ipocondrie, frustrazioni, depressioni, ricordi di flirt da intercapedine (ecco cosa ci si può perdere abitando al primo piano!) e tutto quanto può rimpinguare una disquisizione tra trentenni. In scena al Manzoni fino al 30, Una notte bianca è una commedia generazionale sulle problematiche delle seguenti tipologie umane: il pony italiano di una pizzeria egiziana (Fabio Avaro), una neo-architetta che non trova lavoro (Veruska Rossi) e un eterno studente in economia che vive sulle spalle dei genitori dovendone sorbire le quotidiane ramanzine (lo stesso Pignotta, che ricorda il Quartullo di Quando eravamo repressi).
Niente di particolarmente nuovo: satiretta sociale in salsa di cabaret, panico che diventa psicodramma ironico, dubbi esistenziali più adatti a un gruppetto di diciottenni, anche se - va detto - nell'impasse contemporanea certi rallentamenti finiscono per sembrare del tutto legittimi. Nel complesso uno spettacolo leggero, ma che funziona. E che con una ventina di minuti in meno (certi amarcord sono un po' fuori luogo, e sembrano messi lì apposta per allungare il brodo) ci guadagnerebbe in agilità.

Paola Polidoro

Ultima modifica il Domenica, 06 Ottobre 2013 08:54

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.