lunedì, 24 giugno, 2019
Sei qui: Home / N / NEL MARE DELL'ODISSEA - regia Tonino Conte

NEL MARE DELL'ODISSEA - regia Tonino Conte

Nel mare dell'Odissea Nel mare dell'Odissea Regia Tonino Conte

di Tonino Conte
con Enrico Campanati, Pietro Fabbri, Simonetta Guarino, Paolo Maria Pilosio, Mariella Speranza, Vanni Valenza, Lisa Galantini
impianto scenico: Alida Cappellini e Giovanni Licheri
costumi: Bruno Cereseto
Genova, Chiesa di Sant’Agostino, dal 15 maggio al 9 giugno 2007

Corriere della Sera, 10 giugno 2007
Tonino Conte firma un viaggio nella memoria dell' eroe

Un dolce, vecchio Odisseo

Nella bellissima chiesa di Sant' Agostino Alida Cappellini e Giovanni Licheri hanno realizzato un impianto scenico di salite e discese, piattaforme e scale che richiamano sia l' andamento di Genova sia una nave con i suoi ponti. E giocando su e dentro questa struttura Tonino Conte, autore e regista, ha ideato Nel mare dell' Odissea, viaggio venato di inquietudine, quasi vagabondaggio a ritroso nella memoria dell' eroe greco, una memoria affranta di lutti inferti e sofferti lungo i vent' anni del suo peregrinare fino a Itaca. Uno spettacolo itinerante che si apre tra le brume di una notte opaca nell' Ade con i fantasmi dei compagni, della madre Anticlea, di personaggi mitologici e dell' indovino Tiresia cui l' eroe pone una sola domanda: mi sarà concesso il ritorno? La domanda di un uomo che si sente spossato e chiede di poter dolcemente invecchiare e dolcemente morire. In questo correre verso il compiersi della sua storia Odisseo attraversa mari in tempesta per approdare da una dolce Nausicaa che gioca con lui all' amore. Nell' universo di Ulisse vive una Penelope assediata dai Proci, spocchiosi e volgari, una donna invecchiata e non più feconda, una non-donna, una non-regina, una non-moglie, una non-vedova, cui il tempo si scioglie tra le dita «inutile come l' acqua del risciacquo». Di fronte a lei su un letto in verticale dorme un sonno di figlio viziato Telemaco che al risveglio legge, compiaciuto ma senza capirle, le sue avventure descritte da Omero e va alla ricerca del padre. Poi c' è il vecchio Laerte, padre di Odisseo, vivo e al tempo stesso morto nel suo orticello, simbolo di frugalità, devozione alla natura e della stanzialità che il figlio irrequieto non conosce. Un Laerte saggio che sa che meglio sarebbe non nascere che nascere per morire. Anche la ninfa Calipso è logorata dall' attesa dell' eroe che non tornerà e le regalò un po' d' amore che non basta a sopportare la solitudine. Bravi gli attori, da Lisa Galantini a Simonetta Guarino, da Vanni Valenza a Paolo Maria Piloso, da Mariella Speranza a Pietro Fabbri, a Enrico Campanati un Odisseo vigoroso e stanco, pronto per l' ultimo viaggio alla scoperta di cosa si nasconda sotto la pelle decrepita del tempo. E l' idea di questo Odisseo vecchio e malinconico è seduttiva, dolce e umana.

Magda Poli

Ultima modifica il Domenica, 06 Ottobre 2013 09:59

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.