lunedì, 20 agosto, 2018
Sei qui: Home / N / NATALE IN CASA CUPIELLO - regia Nello Mascia

NATALE IN CASA CUPIELLO - regia Nello Mascia

Natale in casa Cupiello Natale in casa Cupiello Regia Nello Mascia

Con Nello Mascia, Benedetta Buccellato, Roberto Giordano, Sergio Basile, Danila Stalteri, Gino Monteleone, Franco Scaldati, Andrea Vellotti, Fiorenza Brogi, Aurora Falcone, Domenico Bravo, Massimo D'Anna
Regia di Nello Mascia
Scene e costumi di Pietro Cartiglio
Roma Teatro Eliseo dal 29 novembre al 18 dicembre 2011 (e successiva tournèe)

www.Sipario.it, 2 dicembre 2011
Paternalista, bozzettistico, para-pirandelliano finchè si vuole. Fatto sta che il teatro di (e secondo) Eduardo resiste all'usura del tempo, al passaggio di testimone tra il Grande Introverso e gli insigni epigoni, o esegeti, che corrono a rappresentarlo specie in prossimità delle feste-sicuri di riempire platee e andar d'accordo con la Siae.

Del resto, l'eredità di Eduardo (in termini quantitativi, di copioni accessibili a qualsiasi compagnia di buon livello) annovera ottimi esempi di accostamento, ricognizione, rilettura "con occhio diverso", quasi sempre miranti a superare la dimensione volutamente umbratile, naturalista, (genericamente) umanitaria e buonista dei "calchi" televisivi cui si affida la memoria storica del repertorio originale.

Così, mentre per Francesco Rosi, "Napoli milionaria" era una sorta di sontuosa discarica della coscienza civile, figurativamente affine all'iconografia del Piranesi, per Toni Servillo (e la sorgiva compagnia dei Teatri Uniti) "Sabato domenica lunedì" ristagnava nel pinteriano imbarazzo della drammaturgia dell'equivoco, del "non detto", dell'istituzione familiare che crea dissonanze, angustie, pacificazioni in attesa di peggio.

Anello di congiunzione fra gli opposti estremi resta, ovviamente, il teatro di Luca De Filippo, che dopo "Filumena Maturano" e specie in prossimità de "Le voci di dentro" affonda esegesi ed introspezione delle commedie paterne in quel certo clima di arcana minaccia, di antro della strega che sembra farsi cifra stilistica tutta in divenire.

Ultima, solo in ordine di tempo, è l'intellettiva, intrigante "chiave di regia" con cui Nello Mascia (per il Teatro Biondo di Palermo) torna a "Natale in casa Cupiello" dove ebbe a svezzarsi negli anni del suo apprendistato, proprio accanto a Eduardo, come del resto ambivano tutti i maggiori interpreti della scena napoletana, non folkloristica, nati nel primo dopoguerra.

Di quale scelta o scommessa si tratta? Quella di accostare Eduardo alla desolata genialità di Samuel Beckett, alla sua visione irreparabile e ripetitiva di uomini, cose e sentimenti: ovvero nevrotizzanti tormentoni che girano tra le orbite della logorrea e dell'inanità. La nostra sensazione è che, essendo elastica come una grande calzamaglia, la drammaturgia di Eduardo possa "sopportare" qualsiasi prova di sforzo, slittamento, viraggio verso l'infinito o l'indefinito. Proprio in barba a chi riteneva cotto e decotto "quel certo repertorio" al di là della presenza catartica del suo creatore. Sicchè, l'atmosfera stralunata dell'ambientazione e delle cadenze recitative, il gusto per la metafora che qui corrisponde ad una mefitica (e anche un pò metafisica) claustralità della convivenza coatta (che "genera mostriciattoli") hanno adeguato riscontro nelle ispirate spartizioni da "teatro dell'assurdo" con cui Pietro Cartiglio da impaginazione a tutto ciò che ruota attorno al fatidico pranzo natalizio. Sfociante in dramma della gelosia e della "ottusità" del cagionevole pater-familias, colposamente ignaro e puerile- nella sua ritmica ossessione dei preparativi al presepe.

In due ambienti di vaga astrazione espressiva (l'esatto contrario del miniaturismo eduardiano), quasi disadorni e oppressi da uno sghembo muro -che fa pensare alla ghigliottina o alla spada di Damocle- si consuma il "tormentone" di una festività coatta che, giunti al terzo atto, rende più livido ed acuminato il suo spettro d'osservazione, in una Napoli disgregata e mariuola dove il figlio ruba allo zio, lo zio ruba al fratello e la madre "manto di carità" va fuori di senno come la moglie dissennata del "Berretto a sonagli".

Salvo rientrare in sé quando Lucariello, il coniuge infingardo, si appresterà a crepare e lasciarle lo "scettro del comando": misero paraocchi che gli impedisce di distinguere tra verità e illusione, come di sovente accade agli "uomini di paglia" dell'emisfero eduardiano, in cui ci si rispecchia con commiserevole empatia.

Angelo Pizzuto

Ultima modifica il Domenica, 06 Ottobre 2013 10:36

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.