giovedì, 20 giugno, 2019
Sei qui: Home / N / NON LEGGERE I LIBRI, FATEVELI RACCONTARE - regia Francesco Pennacchia

NON LEGGERE I LIBRI, FATEVELI RACCONTARE - regia Francesco Pennacchia

Non leggere i libri, fateveli raccontare Non leggere i libri, fateveli raccontare Regia Francesco Pennacchia

Tratto dall'opera di Luciano Bianciardi
Regia: Francesco Pennacchia
Interprete: Angelo Romagnoli
Produzione: Compagnia Pennacchia Romagnoli/laLut, con il sostegno della Regione Toscana in collaborazione con la Corte Ospitale di Rubiera
Villanova d'Arda, Isola di Giarola 16 Luglio 2011

www.Sipario.it, 2 settembre 2011

Una semplice pedana di legno e due quinte nere inquadrano la quieta distesa di madreperla di un lago al tramonto, appena increspato dalle geometriche traiettorie dei cigni e delle oche; e il pensiero va al primo atto de Il gabbiano di Cechov. Sopra il traliccio metallico che chiude il boccascena tremola la stella Arturo.

Questo lo scenario naturale in cui, nell'isola Giarola, a Villanova sull'Arda, si è svolto il festival "il Grande Fiume", ormai alla sua XIV edizione, conclusosi il 30 luglio con la prima nazionale di Non leggere i libri, fateveli raccontare.

La regia di Francesco Pennacchia e la capacità comunicativa di Angelo Romagnoli danno spessore e consistenza drammaturgica alla lingua intrinsecamente teatrale del testo, uscito a puntate nel '67 sul settimanale ABC: sei lezioni intrise dell'arguzia irriverente e beffarda che il maremmano Bianciardi rivolge ai giovani di scarso talento che vogliano far carriera, esortandoli a non perdere tempo con studi accademici né con letture impegnative, bensì a frequentare le persone giuste, a millantare una cultura che non possiedono; offrendo loro una sere di consigli pratici, di istruzioni meticolose. A distanza di quasi mezzo secolo, il ritratto di intellettuale che ne scaturisce si adatta in modo inquietante alla contemporaneità, e rivela quanto sia radicato nell'indole italica il primato dell'apparire sull'essere.

Dopo un inizio spiazzante e un po' surreale, con l'oratore sorpreso in vestaglia coi piedi a bagno in un mastello di zinco (un'allusione agli ultimi, difficili anni della vita dell'autore), inizia la prima lezione, che prescrive dell'aspirante intellettuale una studiata serie di gesti e di espressioni del volto. Ciò non solo offre a Romagnoli l'occasione di sbizzarrirsi in un'esilarante galleria mimica (che riecheggia, peraltro, i repertori dei manuali ottocenteschi di recitazione), ma la ricorrente, ammiccante citazione di quello stesso repertorio gestuale nelle lezioni successive conferisce alla parola un ulteriore spessore comunicativo. Il pubblico ride e si diverte, ma gli rimane il retrogusto amaro di una satira impietosa.

Lo spettacolo costituisce la prima realizzazione di un progetto di più ampio respiro: una riflessione sul lavoro culturale e sulla figura dell'intellettuale al giorno d'oggi, che prevede la messa in scena del capolavoro di Bianciardi, La vita agra.

Claudio Facchinelli

Ultima modifica il Domenica, 06 Ottobre 2013 10:35

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.