martedì, 19 giugno, 2018
Sei qui: Home / M / MISTERO BUFFO (IL) DI DARIO FO - regia Carolina De La Calle Casanova

MISTERO BUFFO (IL) DI DARIO FO - regia Carolina De La Calle Casanova

Il Mistero Buffo di Dario Fo Il Mistero Buffo di Dario Fo Regia Carolina De La Calle Casanova

(PS: nell'umile versione pop)
di e con Paolo Rossi
con la partecipazione straordinaria di Lucia Vasini
regia: Carolina De La Calle Casanova
Milano, Teatro Strehler, dal 4 al 30 maggio 2010
Comunale di Casalmaggiore (Cremona), 26 novembre 2010

www.Sipario.it, 14 dicembre 2010

L'umile versione pop di Mistero Buffo di Dario Fo è tutta in un una battuta: «Vedere l'effetto che fa...». L'effetto che fa il teatro, una comunità di uomini vivi che incontrano altri uomini vivi, senza bisogno del 3D. L'effetto che farebbe se Gesù Cristo tornasse oggi. Cosa potrebbe fare? Forse il clandestino, senza dubbio non gli piacerebbe quel Papa un po' troppo rigido su cui Paolo Rossi imposta l'inizio del suo personalissimo e popolare Mistero Buffo, rubato a Dario Fo, perché «rubare in teatro è cosa buona, copiare è da coglioni!», parola di Premio Nobel. Così l'ex enfant prodige ed ex ragazzo terribile Paolo Rossi ormai incanutito si misura col suo maestro, rendendo omaggio al suo capolavoro, quel Mistero Buffo che quarant'anni fa fu un viaggio alle origini del teatro occidentale, un inno alla comicità e al mistero dei giullari e dei buffoni, dei saltimbanchi e degli imbonitori di piazza, poveri cristi in odore di santità teatrale. E il teatro è lì, rappresentato dalle assi di legno di un palcoscenico da Commedia dell'Arte che fa tanto Arlecchino servitore di due padroni di Giorgio Strehler e su cui Paolo Rossi fa l'attore, recita pezzi di quei misteri buffi che Fo ha recuperato da una tradizione inventata, da un teatro popolare e politico. Cose d'altri tempi? Non si direbbe e a confermarlo è Paolo Rossi che al lombardo di Fo, preferisce il suo triestino, ai francesismi, gli anglicismi, necessari per strada e nelle piazze dove c'è il mondo e dove con la prossima chiusura dei teatri per mancanza di fondi andranno tutti i comici del regno. «Ma dopotutto noi attori e giullari è da 500 anni che pratichiamo il precariato», ha chiosato Rossi. Piccoli e grandi aggiustamenti che rendono pop e attuale — tanti i riferimenti al premier, ai festini, a Ruby figlia di cardinali — i misteri di un Paese che Paolo Rossi racconta in controluce, un paese che si regge sul motto: «La legge è uguale per tutti e diversa per ognuno». L'effetto che si riceve da questo Mistero Buffo di Dario Fo (Ps: nell'umile versione pop) è quello di uno spettacolo con due teste, l'una rivolta a quei racconti sacri e profani che sono il pre-testo dello spettacolo e il doveroso richiamo all'opera di Fo a cui Rossi assolve con l'umiltà dell'allievo e la parte più cabarettistica e autorale, più di Paolo Rossi che scalda la platea, diverte e fluisce veloce e imprevedibili con battute esilaranti in stile Paolo Rossi, accompagnato dalla chitarra di Emanuele Dell'Aquila e affiancato dalla partecipazione straordinaria di Lucia Vasini in una toccante quanto intensa rivisitazione della Passione che si chiude con una sorta di mea culpa ai piedi della croce che inchioda il pubblico alla poltrona. In questa alternanza di sacro e profano, di Paolo Rossi e Dario Fo si celebra e si riassume il Mistero Buffo in versione pop, umile sì ma con intelligenza e mestiere.

Nicola Arrigoni

Ultima modifica il Giovedì, 10 Ottobre 2013 08:29

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.