giovedì, 23 novembre, 2017
Sei qui: Home / H - I - J - K / IO SONO MISIA. L'APE REGINA DEI GENI - regia Francesco Zecca

IO SONO MISIA. L'APE REGINA DEI GENI - regia Francesco Zecca

"Io sono Misia. L’ape regina dei geni" regia Francesco Zecca "Io sono Misia. L’ape regina dei geni" regia Francesco Zecca

di Vittorio Cielo
regia di Francesco Zecca
con Lucrezia Lante della Rovere
scene di Gianluca Amodia, costumi di Alessandro Lai
luci di Pasquale Mari, musiche di Diego Buongiorno
produzione Fratelli Karamazon (Pierfranceso Pisani, Progetto Goldstein)
visto il 26 ottobre 2016 al teatro Bellini di Casalbuttano (Cremona)

www.Sipario.it, 4 dicembre 2016

Ci sono spettacoli che non sono indimenticabili, ma che è un piacere seguire ed anzi si offrono come tana o cuccia per chi è in cerca di un po' di nostalgia e rischia di farsi prendere dalla malinconia. E' questo l'effetto di Io sono Misia, il racconto dolente e doloroso dell'ape regina dei geni, rievocata da Lucrezia Lante della Rovere, grazie alle parole poetiche di Vittorio Cielo e alla regia di Francesco Zecca. Misia Sert — personaggio realmente esistito — fece del suo salotto di Parigi il punto di riferimento di artisti che fecero il Novecento al suo sorgere: da Proust a Stravinsky, da Nijinsky a Diaghilev, da Coco Chanel a Picasso. Quando il pubblico entra in teatro Misia/Lucrezia è rannicchiata su un'enorme poltrona stile Luigi Filippo in attesa dei suoi ospiti, certa che il suo salotto riaprirà e da lei tornerà Picasso, il nano innamorato di lei, Tolouse, la timida e talentuosa Coco Chanel. Misia di Lucrezia Lante della Rovere con quella parrucca rosso fuoco di sbieco ricorda una delle tante cocotte e ballerine del Moulin Rouge ritratte da Lautrec; il suo è un racconto che si nutre di ricordi e profuma di abbandono. Quegli anni sono definitivamente trascorsi, la sfinge che aiutava gli artisti a partorire la bellezza è rimasta sola, in balia della paura del dolore che annichilisce, in balia della morte. Misia si ritrova prigioniera di quei geni che contribuì a far partorire, che contribuì a sostenere, incoraggiare. Lo scandalo del giovane Nijinsky nell'Après midi d'un faune, piuttosto che la trascinante e disturbante Sagra della Primavera di Stravinsky vengono rievocati con la stessa intensità e inafferrabilità della rivoluzione dell'arte in tutte le sue forme instillata da certi cappellini di Coco Chanel. Tutto ciò avviene in un lungo e ininterrotto flusso narrativo che è flusso di coscienza. Misia è condannata all'eternità, imprigionata nella Recherche di Proust, lei che da viva si trovava già appesa come una santa un po' puttana alle pareti dei musei. La morte, il senso del tempo che scorre, il dolore fanno da contrappunto alla confessione/delirio di Misia che Lucrezia Lante della Rovere gestisce con ispirata correttezza grammaticale, contrappuntata da reale passione d'attrice. E' dolente, buffa a tratti, un po' pietosa in quel suo abbarbicarsi alle parole e alla poltrona, una sorta di animale notturno che esce dai damascati di quella seduta salottiera sproporzionata nelle dimensioni che finisce col renderla un po' bambola abbandonata sulla poltrona del suo salotto cenacolo. In un'atmosfera dalle luci soffuse, nel citare il Bolero, piuttosto che la Sagra, nel donarsi sincero dell'attrice si percepisce il piacere di un racconto che sa toccare le corde del pubblico, essenzialmente femminile — che alla fine contraccambia con calorosi applausi.

Nicola Arrigoni

Ultima modifica il Lunedì, 12 Dicembre 2016 20:59

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.