domenica, 26 marzo, 2017
Sei qui: Home / G / GABBIA (LA) - di Stefano Massini

GABBIA (LA) - di Stefano Massini

La gabbia La gabbia Di Stefano Massini

di Stefano Massini
con Barbara Valmorin, Luisa Cattaneo
Sicilia 2009

Giornale di Sicilia, 22 marzo 2009

MESSINA (gi.gi.).- Stefano Massini, 34enne drammaturgo fiorentino, scrive su temi che scottano e che sono motivo di dibattiti e approfondimenti continui. E’ già successo con Processo a Dio, intorno alla shoah,o con Donna non rieducabile, sull’assassinio della giornalista moscovita Anna Politkovskajia di Novaja Gazeta, entrambi i lavori recitati con grande partecipazione da Ottavia Piccolo, succede ancora con La gabbia, un dramma ispirato al tema dell’eutanasia, quale terza pièce della sua trilogia del parlatorio Versione dei fatti, in cui Massini non disdegnando di fare il regista lo mette in scena avendo accanto una mater dolorosa quale mostra d’essere la bravissima Barbara Valmorin. La quale accusata di omicidio aggravato nei confronti d’una vicina parente,  svincolata liberata e staccata da lei stessa da quelle macchine infernali tutte tubicini e mascherine respiratorie, ha di fronte all’avvocato d’ufficio (Luisa Cattaneo) un comportamento lucido e irremovibile, un gelido aplomb, una disperazione interiorizzata, resa evidente da un profferire verbo con cadenze lente e distaccate. L’azione si svolge nella Sala Laudamo con una parte degli spettatori in sala e un’altra parte seduta sul palcoscenico ai due lati d’una gabbia metallica che sembrano quasi tutti assumere le sembianze dei giurati. Uno spettacolo vibrante, il cui argomento scottante, come ha evidenziato il recente caso Englaro, sta dividendo l’Italia in due, tra chi vorrebbe agire secondo coscienza e chi continua a porre regole e leggi come quella sul bio-testamento, allo stesso modo come alla fine degli anni ’20 il caso Bruneri-Cannelli divise il Paese sulla vera identità dei due personaggi tanto da intrigare Pirandello a scrivere il dramma Come tu  mi vuoi e successivamente Sciascia in quel suo pamphlet titolato Il Teatro della memoria. Molti applausi calorosi nei confronti della Valmorin e repliche sino a domenica pomeriggio.

Gigi Giacobbe

Ultima modifica il Giovedì, 19 Settembre 2013 06:46

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

Twitter Feed

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.