lunedì, 19 novembre, 2018
Sei qui: Home / F / FUORI CAMPO - regia Gigi Borruso

FUORI CAMPO - regia Gigi Borruso

Fuori Campo Fuori Campo Regia Gigi Borruso

concerto per voci, corpi e marionette testo e regia di Gigi Borruso
con Gigi Borruso, Ludovico Caldarera, Serena Rispoli
Scena e costumi di Elisabetta Giacone
produzione Transit Teatro in coproduzione con Festival Visioni
progetto vincitore del premio tuttoteatro alle arti sceniche dante cappelletti - vi ed. 2009
Debutto Nazionale 12 e 13 novembre 2010 al Nuovo Montevergini, Palermo

www.Sipario.it, 4 gennaio 2011

La vita pronta ad esplodere si nasconde dentro sacchi, vita vera, in attesa di aggrapparsi alle ombre sottili e impolverate di questi buffi e tristi clowns, un po’ decadenti, un po’ surreali. Lo spettacolo, scritto, diretto e interpretato da Gigi Borruso, è un’ottima prova registica, di cui si apprezzano la poesia e la leggerezza estatica delle visioni, e un’entusiasmante prova attoriale di Ludovico Caldarera e Serena Rispoli, insieme tre personaggi dalla comicità lunare e sopra le righe che ricreano un’atmosfera stravagante e onirica. All’inizio sembrano pupazzi marionettizati e senza vita, dai gesti meccanici e ossessivi, fissati in una sequenza di nonsense, scheletri di un linguaggio non più comprensibile, caricature avviluppanti e misteriose che si inceppano come giocattoli rotti. Poi però la verità deflagra, una realtà che vibra attorno assalendo con una carica vitale autentica e fluida che fino ad allora era rimasta nascosta. Una forte allusione al linguaggio teatrale o, se vogliamo, metafora di un gioco illusionistico che diventa vero solo attraverso le incursioni di voci fuori campo: tutto ciò che entra nell’inquadratura è una solo una porzione di spazio asfittico e remoto, forse manifestazione di una sfiducia sulle possibilità della rappresentazione quando rimane cristallizzata su gerarchie di potere e mancanza di verità. Borruso, in una scena assurda, esagerata o finta, imprime dolcezza e cattiveria, esprime le sue perplessità e le sue effusioni, le sue credulità e i suoi scetticismi; in pochi gesti condensa innumerevoli situazioni, idee, indignazioni, meraviglia, sensazioni, sogni e simboli. Un incastro di illusioni e realtà, di ciò che è dichiaratamente finto e ciò che è dichiaratamente vero, frammenti incastrati, caotici, aggrovigliati, come diagrammi che rimandano a mondi che si intersecano gli uni negli altri Questi clowns ci raccontano come l’artificio teatrale può essere vuoto e pieno nello stesso tempo, vuoto quando non si sintonizza, non ascolta la voce della realtà. Borruso parte da Danilo Dolci, per realizzare una serie di interviste fra immigrati e senza dimora. Quello che rimane fuori dall’inquadratura si epifanizza come più reale della stessa realtà, diventa poesia che nega il comune linguaggio per giungere infine a quella anarchia espressiva, destabilizzante ed extralogica che diventa prima di tutto denuncia sociale, presa di posizione per gli ultimi, i senza diritti, i naufraghi da un mondo sempre più alla deriva.

Filippa Ilardo

Ultima modifica il Martedì, 20 Agosto 2013 07:39

Articoli correlati (da tag)

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.