lunedì, 20 agosto, 2018
Sei qui: Home / F / FAMIGLIA QUASI PERFETTA (UNA) - regia Carlo Buccirosso

FAMIGLIA QUASI PERFETTA (UNA) - regia Carlo Buccirosso

"Una famiglia quasi perfetta", regia Carlo Buccirosso
. Foto Gilda Valenza "Una famiglia quasi perfetta", regia Carlo Buccirosso
. Foto Gilda Valenza

Commedia di Carlo Buccirosso
con Rosalia Porcaro, Gino Monteleone, Davide Marotta, Tilde De Spirito,
Peppe Miale, Fiorella Zullo, Giordano Bassetti, Elvira Zingone

Costumi: Zaira de Vincentiis
Scene: Gilda Cerullo e Renato Lori
Luci: Francesco Adinolfi
Musiche: Paolo e Simone Petrella
Regia: Carlo Buccirosso

Napoli, Teatro Trianon Viviani dal 10 al 12 febbraio 2017 e dal 22 al 23 febbraio 2017

www.Sipario.it, 12 febbraio 2017

L'adozione, l'infertilità ed i sentimenti di un padre privato del figlio per aver assassinato la propria moglie: sono questi i temi attorno ai quali ruota la commedia "Una famiglia quasi perfetta" in scena al Teatro Trianon Viviani di Napoli, rigorosamente in chiave comica anche se lascia spazio più di una volta a qualche riflessione. La prima considerazione che viene da fare è che fa veramente strano vedere Carlo Buccirosso, attore protagonista dello spettacolo nonché autore e regista dello stesso, nei panni di un prepotente o per dirla alla napoletana "rò malament", abituati come si è a vedere in lui il prototipo di un personaggio dimesso e molto arrendevole. Questo per sottolineare l'impatto positivo che l'attore napoletano ha saputo dare al suo personaggio: divertente e prepotente che alla fine dimostra anche di avere senso paterno. Sul palco con lui attori che seguono la postura e l'impostazione di voce tipica del teatro classico napoletano che tra le condizioni principali, per avere il consenso del pubblico, ha sicuramente quella della bravura degli stessi, i quali sanno dunque cavalcare l'onda delle battute con professionalità dando però l'idea al pubblico di stare osservando da una finestra immaginaria quello che accade nella finestra di fronte dove loro si muovono. Naturalmente il tutto condito con una realtà dilatata e portata all'eccesso per offrire nel minor tempo possibile le emozioni che vuole dispensare ed entrare in empatia con lo spettatore. Ecco! Il Buccirosso attore e regista è riuscito a realizzare questo. Co-protagonista è Rosalia Porcaro, padrona della scena che si destreggia tra l'arrogante Salvatore Troianiello e Pinuccio il figlio conteso, interpretato da Davide Marotta. Brava, anche se in alcune battute ricorda fin troppo uno dei suoi cavalli di battaglia, per dirla alla Proietti che tanto successo sta ottenendo con l'omonimo spettacolo, ovvero "la suocera di Veronica" che debuttò all'interno del contenitore comico-satirico "Telegaribaldi" che tra i conduttori ha visto anche Biagio Izzo. Sullo scorcio della trama anche le difficoltà che l'adozione può arrecare ad una coppia, il disordine legislativo e la mancanza di una quotidiana tutela del cittadino personificate nell'avvocato Percuoco, incompetente e calcolatore, preso come riferimento da entrambe le fazioni che si vanno a delineare per la controversia che vede in Pinuccio l'oggetto del contendere.

Simona Buonaura

Ultima modifica il Lunedì, 13 Febbraio 2017 10:09

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.