martedì, 18 settembre, 2018
Sei qui: Home / D / DAS KAFFEEHAUS. LA BOTTEGA DEL CAFFÈ - regia Veronica Cruciani

DAS KAFFEEHAUS. LA BOTTEGA DEL CAFFÈ - regia Veronica Cruciani

“ Das Kaffeehaus-La bottega del caffè", regia Veronica Cruciani “ Das Kaffeehaus-La bottega del caffè", regia Veronica Cruciani

di Rainer Werner Fassbinder

da Carlo Goldoni

traduzione di Renato Giordano

regia e adattamento scenico di Veronica Cruciani

con la Compagnia del Teatro Stabile del Friuli Venezia
Giulia Filippo Borghi, Ester Galazzi, Andrea Germani, Lara Komar,
Riccardo Maranzana, Francesco Migliaccio, Maria Grazia Plos, Ivan Zerbinati (attore ospite)

e con Graziano Piazza

scene e costumi Barbara Bessi

drammaturgia sonora Riccardo Fazi

disegno luci Gianni Staropoli

produzione Teatro Stabile Friuli Venezia Giulia
Roma, Teatro Vascello dal 23 al 30 gennaio 2018

www.Sipario.it, 28 gennaio 2018

La riscrittura scenica che quasi cinquant'anni or sono fece Fassbinder della Bottega del caffè di Goldoni, per la regista Valeria Cruciani si può adattare ai nostri giorni. In che modo? Vestendo i protagonisti con abiti moderni; conferendo alla recitazione toni e movenze tipici d'un certo cinema contemporaneo o di un determinato genere di serie televisive; rappresentando il caffè di Ridolfo in termini minimalisti: qui e lì qualche tavolo in plastica preso da un bar di periferia; un carrellino con sopra qualche bottiglia di superalcolici, un macinino da caffè e bicchieri dove versare distillati e liquori; un pavimento ed un soffitto tinti con un motivo floreale ove s'alternano il bianco e il nero. Al di fuori di questo scheletrico bar, vi è il mondo tipico delle case da gioco dove fino all'alba si perdono somme inverosimili di denaro, scommettendo e ubriacandosi.
Quando non sono presso Ridolfo, i personaggi indossano una maschera. Ma appena vi fanno ritorno, prontamente se la tolgono. Questo a dimostrazione che solo nel caffè – luogo dove uomini appartenenti a classi sociali d'ogni tipo, senza distinzione, si incontrano e confrontano – si può essere autentici?
I dialoghi mostrano ed ostentano la piccineria e meschineria del genere umano. Ma finiscono tutti per ruotare attorno ad un solo argomento: i soldi. E se ne parla convertendo in dollari ed euro gli equivalenti delle cifre originarie in zecchini veneziani.
A sottolineare la chiusura di ogni atto, tutti gli attori danzano su musiche da discoteca. E mentre si abbandonano a balli scombinati, con lievi movenze ed espressioni mimiche suggeriscono al pubblico assunzione di droga o di alcool oltre ogni ragionevole ebbrezza.
Il finale è giocato su toni bui con una tenue luce diafana, resa ancor più fioca da una nebbia che man mano copre la scena. Atmosfera lugubre e che tutto confonde: anche la bottega del caffè di Ridolfo.
Fassbinder della commedia di Goldoni accentuò il lato oscuro mettendo da parte gli aspetti ironici, leggeri e allusivi propri del drammaturgo veneto. La Cruciani, rileggendo questo adattamento, ha voluto dire che le persone sono oggi guidate dal denaro e da null'altro? Se così è, lo ha fatto non cogliendo – nel testo originario e nella riscrittura – una bella e potente metafora che sapesse rendere un classico contemporaneo senza snaturarlo.
Questa Das Kaffeehaus-La bottega del caffè (in scena al teatro Vascello di Roma) difetta, in sintesi, d'un'idea drammaturgica e di regia in grado di rappresentare simbolicamente i nostri giorni. L'universalità – sia di personaggi che di situazioni – propria di questa commedia, la Cruciani l'ha spinta all'estremo. Ne è risultato qualcosa di rarefatto, confuso, vagamente somigliante tanto a Goldoni quanto a Fassbinder.
Un vero peccato. Principalmente per il pubblico che, forse, avrebbe desiderato bere un buon caffè nella bottega del grande drammaturgo veneto uscendone fuori interrogandosi e, magari, comprendendo qualcosa in più di questi tristi tempi.

Pierluigi Pietricola

Ultima modifica il Lunedì, 29 Gennaio 2018 07:07

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.