venerdì, 22 settembre, 2017
Sei qui: Home / D / DOPPIO LEGAME - regia Federico Magnano San Lio

DOPPIO LEGAME - regia Federico Magnano San Lio

"Doppio legame”, regia Federico Magnano San Lio "Doppio legame”, regia Federico Magnano San Lio

di Maria Piera Regoli e Salvatore Zinna
regia Federico Magnano San Lio
con Salvatore Zinna
luci Aldo Ciulla
organizzazione Alceste Ferrari
produzione Retablo
Parco Horcynus Orca di Messina, 27 agosto 2017

www.Sipario.it, 29 agosto 2017

Un mondo senza sbirri

Questioni di famiglia agitano la placida esistenza di Enzo Indelicato, ladruncolo palermitano con il sogno dell'onestà, Forrest Gump dei bassifondi coinvolto suo malgrado in storie di sequestri e omicidi da un boss sanguinario e megalomane. La mafia è un blob che insudicia le strade e plagia le coscienze: dopo una sfiancante gavetta, Indelicato, uomo solo in un mondo senza sbirri, prova a sottrarsi al proprio destino urlando il suo tradimento a Cosa Nostra. Una bestemmia salvifica nel regno della devozione.
Nello sfasamento tra mimica e comunicazione verbale (il "doppio legame" del titolo, teoria elaborata dall'antropologo britannico Gregory Bateson) Salvatore Zinna appicca il suo rogo contro la criminalità organizzata, un j'accuse ricavato dai verbali del celebre maxiprocesso - con la collaborazione di Maria Piera Regoli – che esplora per contrasto l'indifferenza dello Stato verso ultimi e diseredati. Una volta ingoiato dal sistema, un uomo ridicolo è costretto pirandellianamente a fingersi pazzo per poter sopravvivere: dal grottesco rito di iniziazione a base di vino e cannoli alle sceneggiate ordite per guadagnarsi un posto in manicomio, Enzuccio rinuncia alla propria dignità in difesa dei fratelli, brutalmente minacciati da decine di fantasmi scorsesiani, avatar ideali dell'isterico Joe Pesci di Quei bravi ragazzi. In scena una malia da gangster-movie, una mostra delle atrocità che Zinna ritrae magistralmente con lunghe digressioni e movenze disturbanti: violenza e ingenuità si mescolano in un continuum ove convivono senza attriti una disumana bestialità e il candore di facciata di un mediocre esecutore, pesce piccolo privo in apparenza di reale autonomia.
Sul palcoscenico nudo del Parco Horcynus Orca l'attore di origine ennese guida la danza macabra dell'insignificanza, elogio della sconfitta di chi non riuscirà mai a mondarsi dal peccato originale della povertà. Colpevole o innocente, in questo caso, è solo un dettaglio.

Domenico Colosi

Ultima modifica il Giovedì, 31 Agosto 2017 23:00

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

Twitter Feed

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.