giovedì, 18 ottobre, 2018
Sei qui: Home / B / BELL'ANTONIO (IL) - regia Giancarlo Sepe

BELL'ANTONIO (IL) - regia Giancarlo Sepe

Il bell'Antonio Il bell'Antonio Regia Giancarlo Sepe

di Vitaliano Brancati
riduzione teatrale a cura di Antonia Brancati e Simona celi
regia di Giancarlo Sepe
con Andrea Giordana, Giancarlo Zanetti, Michele De Marchi, Elena Callegari
Simona Celi, Natale Russo, Giorgia Visani, Alessandro Romano, Luchino Giordana
scene e costumi di Carlo De Marino, luci di Franco Ferrari, musiche di Harmonia Team
produzione Lux T srl
visto al teatro Bellini di Casalbuttano (Cremona), il 15 febbraio 2014

www.Sipario.it, 20 febbraio 2014

Il bell'Antonio di Vitaliano Brancati – nella messinscena firmata dal regista Giancarlo Sepe – propone un fare teatro di trent'anni fa, mette insieme il recitar narrando alle suggestioni di un'elaborazione scenico/registica di elegante impatti visivo. Giancarlo Sepe è regista con stile cinematografico, che si inventa situazioni sceniche spesso minimali, contraddistinte da marcati chiaroscuri e da un uso dello spazio simbolico. In fondo è quello che accade anche per Il bell'Antonio di Vitaliano Brancati, metafora sessual machista dell'Italia fascista. Tutto scaturisce dal rientro di Antonio Magnano (Luchino Giordana) da Roma, bello e impossibile, di lui si racconta che abbia sedotto perfino la contessa Ciano. Il padre Alfio (Andrea Giordana) va fiero del figlio, orgogliosa prosecuzione della potenza virile della famiglia Magnano. In realtà il rientro di Antonio è segno di sconfitta e non ci vuole molto per capire che il ragazzo nasconde un segreto. Il matrimonio con Barbara Puglisi (Giorgia Visani), giovane e algida rampolla della Catania aristocratica, fa emergere il non detto. Il matrimonio non consumato e il suo annullamento alzano il velo sul bell'Antonio tanto affascinante e seduttivo quanto impotente. Antonio confessa la sua impotenza allo zio Ermenegildo, una sorta di filosofo un po' misantropo (Giancarlo Zanetti) che ascolta ma non condivide. La tragedia è innescata e l'onore al maschile della famiglia Magnano definitivamente perduto, ha il suo apice simbolico con la morte – enigmatica e grottesca – di Alfio sotto le macerie di un bordello. Giancarlo Sepe costruisce la confessione del bell'Antonio come un emergere di voci e forme dal buio. Le luci di taglio e l'assolutezza della scena nera costruiscono lo spettacolo come una serie di frammenti visivi. A dominare è un clima funereo, reso dall'obelisco/catafalco al centro della scena che fa da metronomo per un'inesorabile discesa verso l'abisso. Ad essere rappresentata non è solo la crisi della virilità e potenza della famiglia Magnano ma anche la decadenza dello stesso regime fascista. A dare movimento alla scena e all'azione è una tenda che gira e accompagna, travolge, cancella di volta in volta arredi e personaggi in una sorta di procedere inesorabile. In tutto questo la recitazione di Andrea Giordana col figlio Luchino orgoglioso della propria bellezza, Giancarlo Zanetti e dei comprimari si impone con regolare e prevedibile fare descrittivo. Tutto è posto con la chiarezza di una mise en éspace, ci sono le necessarie e un po' ingenue caratterizzazioni, ci sono i gesti dell'accademia, c'è il portare la voce con retorica eleganza, fra forzature un po' macchiettistiche e gusto del ben dire. Insomma un teatro d'altri tempi che assomiglia un po' al libretto di sala dalla carta patinata, col testo in bell'evidenza e le foto lucide della messinscena...

Nicola Arrigoni

Ultima modifica il Venerdì, 21 Febbraio 2014 14:45

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.