mercoledì, 15 agosto, 2018
Sei qui: Home / A / ALTRA MADRE (L') - regia Giuseppe Argirò

ALTRA MADRE (L') - regia Giuseppe Argirò

"L'altra madre", regia Giuseppe Argirò "L'altra madre", regia Giuseppe Argirò

Voci per la scena
Madri assassine tra cronaca e mito
Con Mascia Musy e Maria Letizia Gorga
Regia di Giuseppe Argirò
Teatro Lo Spazio, Roma, 16-21 dicembre 2014

www.Sipario.it, 21 dicembre 2014

Storie di madri assassine tra classicismo e attualità
Un luogo trascurato, pregno della tristezza di una baraccopoli circense, l'insegna "Teatro Spazio" illuminata a led già ci introducono a quello che sarà il reading che andremo ad ascoltare: una storia di donne emarginate, abbandonate, tradite, che fuggono da una realtà troppo dolorosa o difficile lasciandosi trascinare dalla follia. Diventa pazza Medea, quando Giasone la lascia per la figlia di Creonte, così come Agave, baccante più fedele di Dioniso ingannata dal suo stesso Dio. Cos'è che hanno in comune queste due immortali figure tragiche? Entrambe vengono portate dalla pazzia ad uccidere i propri figli: tematica, quella dell'infanticidio, di tradizione antica quanto – purtroppo – attuale. L'altra madre di Giuseppe Argirò è un confronto tra le madri di allora e quelle di oggi, sole, troppo spesso non aiutate, in una società maschilista che le vede obbligatoriamente tra fornelli e biberon, madri che a volte non hanno scelto questo ruolo e che non si sentono in grado di sostenerlo. "Le passerà" continua a ripetere Mascia Musy a Maria Letizia Gorga, che disperata continua a ripetere che non ce la può fare a portare in grembo un bambino, che non è un ruolo adatto a lei. Le due attrici sono entrambe molto classiche nella recitazione e a tratti retoriche: la Musy appare come una figura fragile, indifesa, dalla voce fanciullesca, spezzata dalle emozioni; mentre Maria Letizia Gorga rappresenta più il lato aggressivo dei personaggi femminili interpretati. Una signora straniera senza lavoro che non riesce più a sopportare i pianti dei figli, una donna che accompagna i suoi pargoli in mezzo al mare cosciente di abbandonarli al flusso della corrente, un'altra che affoga la sua piccola nella vasca: queste sono le Agave e Medea contemporanee. Dietro le spalle delle due interpreti, vediamo proiettati alcuni video, che rimandano alle vicende narrate (il mare, alcuni alti edifici...) o semplicemente fanno da sfondo scenico. A volte è difficile capirne il significato e appaiono come delle soluzioni registiche superficiali e poco curate, mentre la musica crea la giusta atmosfera di tensione. La registrazione finale, voce di un ipotetico figlio che afferma di voler bene ai genitori, conclude lo spettacolo. Timidi gli applausi, ma non possiamo chiedere di più a un così ridotto pubblico di persone.

Sara Bonci

Ultima modifica il Domenica, 21 Dicembre 2014 19:34

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.