martedì, 18 dicembre, 2018
Sei qui: Home / A / ASPETTANDO GODOT - regia Lorenzo Loris

ASPETTANDO GODOT - regia Lorenzo Loris

Aspettando Godot Aspettando Godot Regia Lorenzo Loris.

di Samuel Beckett
traduzione: Carlo Fruttero
regia: Lorenzo Loris
con Gigio Alberti, Mario Sala, Giorgio Minneci, Alessandro Tedeschi, Davide Giacometti
scene: Daniela Gardinazzi, costumi: Nicoletta Ceccolini, consulenza musicale: Andrea Mormina
luci: Luca Siola
Milano, Teatro Out Off, dal 13 gennaio al 15 febbraio 2009

Corriere della sera, 1 febbraio 2009

Vladimiro ed Estragone in una discarica

L' incontro con un'opera di Samuel Beckett è l' incontro con un' essenzialità che non finisce di innescare echi, di chiarirsi, di complicarsi. Nel suo osservare il paradosso dell' esistere che ha nella nascita il principio della fine e tutto il resto è attesa, Beckett traccia teoremi di cartesiana esattezza e di intricata verità. Aspettando Godot è un' opera drammaturgicamente perfetta, metafora dell' esistenza, amara, spietata e grandiosa favola degli uomini che riempiono di parole e di gesti la vita per avere l' impressione d' esistere, immobili nel loro affannarsi. Lorenzo Loris nella sua messinscena fa vivere la vicenda in una sorta di oggi martoriato come la terra di un cantiere smossa da ruspe e scavatrici oppure come in una rumorosa, mefitica, gigantesca discarica: immagini proiettate che avvolgono la piattaforma rotonda sulla quale Vladimiro e Estragone si ritrovano inesorabilmente ogni giorno. Loris, nel rispetto del testo e grazie all' interpretazione di bella verità di Gigio Alberti, Vladimiro, e Carlo Sala, Estragone, infantili e ludici ma con momenti di rabbia e di abissale smarrimento, riesce a mettere in risalto la compassione profonda dell' autore per la condizione umana, sempre temperata dall' ironia, dall' umorismo che rende più sopportabile la sofferenza, riuscendo anche quasi sempre a far sì che parole gigantesche nella loro semplicità, non divengano semplici battute. Una regia che non cade nella trappola di un naturalismo che avrebbe normalizzato e impoverito la pièce: nella disarmata verità di Vladimiro e Estragone, di Pozzo, Giorgio Minneci, e Lucky, Alessandro Tedeschi, balena l' essenza sotterranea comune a tutti gli uomini, l' anonimato profondo che distrugge ogni pretesa d' identità. Questi personaggi sono tutta l' umanità inchiodati nell' attesa, infissi nel non voler prendere coscienza che non c' è nulla da aspettare.

Magda Poli

Ultima modifica il Martedì, 23 Luglio 2013 06:40

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.