Stampa questa pagina

ADRIANO OLIVETTI - regia Gabriele Vacis

Adriano Olivetti Adriano Olivetti Laura Curino

di Laura Curino e Gabriele Vacis
regia Gabriele Vacis
con Laura Curino, Mariella Fabbris, Lucilla Giagnoni
Teatro Studio, Milano dal 4 al 9 novembre 2008

Corriere della Sera, 5 novembre 2008

La storia di Olivetti un apologo garbato

Spettacolo incisivo, drammaturgicamente ben costruito, «Adriano Olivetti» ha il tono garbato dell' apologo e la forza del racconto popolare, l'attrice-autrice Laura Curino con Mariella Fabbris, Lucilla Giagnoni, guidate da Gabriele Vacis coautore e regista, riescono a narrare la vita di un uomo facendo intravedere il passo della Storia che l' attraversa e il suo passo che segna la Storia. Riescono a narrare la vita di un uomo come fosse una favola facendone riascoltare il respiro, tracciandone con pochi attenti segni il carattere, le aspirazioni, le certezze, i dubbi, punteggiandoli di ricordi che diventano, in un lessico famigliare, metafore di grandi intuizioni. Adriano Olivetti straordinario e colto imprenditore si battè per costruire un «uomo nuovo», una «nuova fabbrica», una «nuova Italia» e, come disse Le Corbusier alla morte di Adriano «desiderava realizzare il sogno di una società nuova e non lo rimandava a scadenza imprecisata». Lo spettacolo si apre con l' ultima notte di Adriano Olivetti il 27 febbraio 1960, per riprendere il giorno della nascita e richiudersi in quel freddo giorno invernale. Le tre attrici fanno rivivere, con bravura e intensità, la figura di Olivetti e i molti uomini e donne che hanno condiviso la sua esistenza, le sue idee e la sua utopia in un continuo fluire tra letteratura e quotidianità. Teatro Studio, fino al 9 novembre

Magda Poli

Ultima modifica il Martedì, 23 Luglio 2013 07:26

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.