mercoledì, 25 aprile, 2018
Sei qui: Home / A / AMLETO + DIE FORTINBRASMASCHINE - regia Roberto Latini

AMLETO + DIE FORTINBRASMASCHINE - regia Roberto Latini

“Amleto + Die Fortinbrasmaschine”, regia Roberto Latini. Foto Fabio Lovino “Amleto + Die Fortinbrasmaschine”, regia Roberto Latini. Foto Fabio Lovino

drammaturgia Roberto Latini, Barbara Weigel
regia Roberto Latini
di e con Roberto Latini
movimenti di scena Marco Mencacci, Federico Lepri, Lorenzo Martinelli
musiche e suoni Gianluca Misiti
luci e tecnica Max Mugnai
produzione Fortebraccio Teatro in collaborazione con L'arboreto - Teatro Dimora di Mondaino,
ATER Circuito Regionale Multidisciplinare – Teatro Comunale Laura Betti,
Fondazione Orizzonti d'Arte
con il contributo di MiBACT, Regione Emilia-Romagna

Milano, Teatro Elfo Puccini, dal 4 all' 8 aprile 2018

www.Sipario.it, 6 aprile 2018

Roberto Latini e il suo Amleto Postmoderno

L' Amleto di Roberto Latini poggia su una scrittura scenica liberamente ispirata a Die Hamletmachine che, a sua volta, si rifà all'Amleto di Shakespeare. Il risultato è, dunque, frutto di un processo elaborato e indiretto e, già per questo, originale. Il personaggio di Amleto risente della cifra stilistica, ormai consolidata, di Latini che rappresenta una storia-non storia attraverso un'estetica a forte impatto emotivo. Il suo Amleto, imparruccato, sui tacchi a spillo, nella versione atletica di una tuta, con una maschera di un teschio in faccia, si dispera in una scenografia "esagerata" in cui le pedane mobili con una macchinazione precisa, le luci caleidoscopiche che ricordano una discoteca, le musiche e i suoni dagli effetti cinematografici fanno da padroni. Cinematografia che non è solo un effetto ma è anche il Blade Runner sullo schermo di un piccolo televisore su un lato del palcoscenico. E poi c'è, soprattutto, il lavoro sulla voce e la ricerca delle sue diverse tonalità nell'uso dei microfoni o nella registrazione delle parole dell'interprete che escono da un megafono. Quello di Latini è un Amleto "violento", la cui violenza ha i tratti benefici di uno shock psicologico positivo per lo spettatore e il cui nutrimento trae origine da una fisicità al limite dello sforzo all'interno di una scena sofisticata e accurata. Insomma, l'immagine, nella visione personalissima di Latini e nella tradizione scenica dei suoi precedenti spettacoli, è l'obbiettivo a cui la regia dello stesso Latini vuole arrivare e che ci viene restituita prima di ogni eventuale senso logico. Sì, perché è l'emotività a coinvolgerci e a immergerci in quello che vediamo, anticipando ogni nostra possibilità interpretativa. In "Amleto + Die Fortinbrasmaschine", come detto sopra, non c'è una storia, ci sono pezzi di storia, frutto della commistione di due opere. Sono un'estetica importante e gli impulsi emotivi, che ne derivano, a trattenere l'attenzione del pubblico. Al di là, forse, di un alleggerimento di questa ricerca estetica a favore di una maggiore logicità scenica e di una sua conseguente organicità, lo spettacolo di Latini merita di essere visto, soprattutto, per la sua originalità distintiva nel panorama teatrale italiano.

Andrea Pietrantoni

Ultima modifica il Lunedì, 09 Aprile 2018 09:08

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.