venerdì, 21 settembre, 2018
Sei qui: Home / A / ANOMALIE - regia Igor Pison

ANOMALIE - regia Igor Pison

"Anomalie", regia Igor Pison "Anomalie", regia Igor Pison

Di Mauro Covacich
Adattamento teatrale e regia di Igor Pison
Con Riccardo Maranzana, Filippo Borghi, Federica De Benedittis, Andrea Germani
Trieste, Politeama Rossetti, Sala Bartoli, 10 marzo 2018

www.Sipario.it, 17 marzo 2018

È l'immagine di un'umanità scomoda, ributtante, ferina. Si staglia sulla scena con evidenza brutale nei tre atti curati dal regista Igor Pison che ha conferito veste drammaturgica alla narrativa di frontiera di Mauro Covacich. Lo scrittore triestino ha dedicato, infatti, nel 1998 alcuni brucianti racconti alla guerra nella ex Jugoslavia, un conflitto così vicino geograficamente ma presto affondato nell'oblio. Un trittico intitolato "Anomalie" dove "la guerra è una situazione che nega la vita" e "tutti ne sono potenziali vittime", dove il realismo della barbarie è bruciante ed è usato come pars pro toto per rimandare alle atrocità attuali. Dolore, insensatezza, violenza oltre ogni coscienza e assenza di qualsiasi speranza sono lo scenario sempre uguale per vittime e carnefici, civili e cecchini. Sul palcoscenico quattro attori della compagnia del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia dalla presenza forte e ingombrante (Riccardo Maranzana, Filippo Borghi, Federica De Benedittis, Andrea Germani), coadiuvati altresì nel ricreare un'atmosfera claustrofobica, votata a "una certa sensazione di ineluttabilità", dagli spazi esigui della Sala Bartoli.
Le tre brevi narrazioni che sin dall'inizio tendono all'epilogo come "un tuffo, una caduta a precipizio formalizzata in un gesto" rimandano con forza raziocinante a situazioni estreme, sempre anomale. Ascoltiamo così le confessioni memoriali lucide e fredde di un cecchino, catturato dai nemici ("Se devi eliminare qualcuno che non conosci devi considerarlo un po' più di un animale e un po' meno di un uomo"). Si animano poi le vicende di un gruppo di ragazzi e ragazze che, impegnati in una partita di basket a Sarajevo, cercano la normalità, provano nostalgia per la vita tranquilla prima del conflitto, ma sono improvvisamente stroncati dallo schianto di una granata. E infine l'ultimo dialogo contraddittorio ed accorato di due innamorati, divisi per razza e religione, straziati nel loro anelito di eros e di thanatos.
Lo spettacolo parla in maniera concreta, quasi "materica", di terrore. Tratta lo spettatore a pugni nello stomaco, lo scuote con simboli di morte (i fucili, gli abiti militari, i recinti di ferro...) e rumori di esplosioni, lo culla con canzoni dei Balcani, filologicamente citate per ricreare la temperie umana ed artistica del periodo bellico.

Elena Pousché

Ultima modifica il Domenica, 18 Marzo 2018 08:13

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.