lunedì, 29 maggio, 2017
Sei qui: Home / A / ABC DELLA GUERRA (L') - regia Valentina Mesca

ABC DELLA GUERRA (L') - regia Valentina Mesca

"L'ABC della guerra", regia Valentina Mesca "L'ABC della guerra", regia Valentina Mesca

di Bertolt Brecht
Regia: Valentina Mesca
Videomapping: Andrea Maioli, Flaviano Esposito e Illen Aria

Cast: Carolina Rapillo, Hugo Fonti, Roberta Ruggiero, Giorgio Nugnes, Janua Coeli Linhart,
Matteo Giardiello, (ballerine) Marta Alba, Francesca Pascazio, Naima Mottola, Lucia Amorosi

Musiche: Francesco Turchetti
Luci: Ermes Scarano e Simone Picardi
Teatro Popolare - Ex OPG Je so' Pazzo
Napoli, Ex OPG Je so' Pazzo, 10 settembre 2016

www.Sipario.it, 14 settembre 2016

L'ora d'aria è un cortile non troppo grande, delimitato da mura alte e filo spinato. Ma è soprattutto lo spazio all'aperto che non ti appartiene, se non per qualche minuto ogni giorno; pochi passi, un'occhiata al cielo (che altrimenti dimentichi perfino di che colore sia) e una boccata d'ossigeno, l'opportunità di uscire dal metro quadro in cui sei rinchiuso che, seppur preziosa, rinnova ogni volta il dramma della reclusione.
Là dove fino al 2007 c'era l'ora d'aria dell'OPG – l'ospedale psichiatrico giudiziario, o più semplicemente manicomio – un collettivo di ragazzi napoletani ha portato un'assemblea cittadina prima e il teatro poi. Ma è bene procedere con ordine, perché raccontiamo qualcosa di bello e importante: dal 9 all'11 settembre a Napoli si è svolto l'Je so Pazzo Festival, una tre giorni di dibattiti (workshop, cene, mostre, stand, spettacoli e concerti) intitolata Costruiamo il Potere. Il primo esperimento portato a termine con successo dai ragazzi che due anni fa hanno salvato l'ex OPG – enorme struttura nel centro storico cittadino – dal degrado e dall'abbandono. Dove prima venivano rinchiusi, spesso ingiustamente e in condizioni disumane, criminali o presunti tali, oggi è un fiorire di attività socialmente utili: corsi gratuiti, sport ed eventi culturali; perfino il doposcuola sociale per i più piccoli.
A coronamento di un percorso coraggioso di rinascita e riscatto, nel quartiere e sul territorio, ecco il Festival, nell'ambito del quale la compagnia Teatro Popolare dell'ex OPG ha riproposto lo spettacolo di Bertolt Brecht L'ABC della Guerra. Un progetto fedele al testo; un omaggio all'autore, le cui parole su dittatura e sfruttamento delle masse sono oggi di un'attualità drammatica, ma anche una commistione moderna di mezzi e forme. Del resto, Brecht stesso definì la sua opera un "fotoepigramma", ovvero un incontro di fotografia, testo poetico e didascalia in prosa.
Sullo sfondo la scenografia dell'immaginario palcoscenico, più in tema che mai, sono le mura imponenti dell'ex OPG; le finestre di quelle che una volta erano celle, con tanto di inferriate spesse e arrugginite. Come su di un telo i ragazzi del Teatro Popolare vi proiettano immagini, quelle che l'autore strappava dalle riviste traendovi ispirazione per i propri versi.
Teatro, danza e videomapping, dunque: il tutto accompagnato dalla musica elettronica. Gli attori, come appesi a una forca, si calano di volta in volta nei panni di personaggi storici, soldati, gente comune e delle città stesse. Tutte vittime, sopraffatte e annichilite. Il ritmo delle battute e l'incalzare allarmante delle filastrocche catapulta lo spettatore nel clima di violenza cieca della seconda guerra mondiale.
L'ABC della Guerra non nasce come un testo teatrale, ma dando vita a un nuovo genere poetico: l'«epigramma fotografico». Brecht articola cronologicamente e tematicamente le illustrazioni tratte dai giornali, dal riarmo della Germania sino alla sconfitta del nazismo. Traendovi poesia.
Nel maggio 2015 la compagnia del Teatro Popolare è nata proprio rappresentando questo spettacolo: caparbio esperimento di chi non sa dividere la gioia dell'arte dall'impegno sociale. L'ABC della Guerra è stato dedicato ad Alp Altinors, vicepresidente del partito turco HDP arrestato dal regime di Erdogan. Per conoscere e riflettere. In Turchia autori come i nostri Dario Fo e Luigi Pirandello, Shakespeare e lo stesso Brecht sono proibiti, perché considerate sovversivi.

Giovanni Luca Montanino

Ultima modifica il Domenica, 18 Settembre 2016 05:15

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

Twitter Feed

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.