giovedì, 22 giugno, 2017
Sei qui: Home / 0 - 9 / 4:48 PSYCHOSIS - regia Valentina Calvani

4:48 PSYCHOSIS - regia Valentina Calvani

4:48 Psychosis 4:48 Psychosis Regia Valentina Calvani

di Sarah Kane
traduzione di Barbara Nativi
con Elena Arvigo
regia Valentina Calvani
musiche Susanna Stivali
Teatro Aurora (Marghera-VE), 14 novembre 2013

www.Sipario.it, 18 novembre 2013

4:48 Psycosis è l'ultimo testo poetico di Sarah Kane, visionaria e tormentata poetessa britannica, suicida all'età di 28 anni nel 1999.
È un testo dalle molte interpretazioni, ambivalente, contiene l'anima dell'autrice in uno stato di continua evoluzione di sentimenti, mutamenti e stasi, affermazione e rifiuto.

Il titolo rimanda a quell'ora notturna in cui, secondo alcune statistiche, vi è maggiore attrazione verso il suicidio: per Sarah Kane le 4:48 rappresentano l'unico vero momento di lucidità e di possibile salvezza. Secondo l'autrice questo è un testo che "parla di una depressione psicotica, di quello che succede, cioè, nell'animo di una persona quando le linee di confine che permettono di distinguere la realtà dalle diverse forme dell'immaginazione, si dissolvono completamente fino al punto di non riuscire più a percepire la differenza tra la vita sognata e quella da svegli. Non si sa più dove finisce l'individuo e dove comincia il mondo".
Ma, in realtà, è un testo che parla d'amore, quell'amore che si trasforma, incomprensibile, necessario, che, se assente, diventa morte (a-mors).

Il testo, strutturato in forma di monologo, viene mirabilmente interpretato dall'attrice Elena Arvigo, diretta dalla regista Valentina Calvani della compagnia ligure Gank.
L'io che parla e che si rivela al pubblico non rappresenta semplicemente la condizione esistenziale di Sarah Kane ma sembra coinvolgere, attraverso le parole e l'interpretazione dell'attrice, tutti coloro che assistono al dramma.
La parola è, in questo spettacolo, protagonista assoluta, unico mezzo di possibile esternazione; i gesti si riducono lasciando completo spazio alla voce e all'ambiente in cui essa si espande.

L'attrice Elena Arvigo ha dovuto confrontarsi con una vastissima scala di sfaccettature emotive. Lavorando sul personaggio, sul testo e sulla voce, è riuscita a trovare la giusta chiave di lettura e interpretazione restituendo al pubblico una perfetta immedesimazione dei sentimenti descritti. Intensa, decisa, fluida e veloce poi rotta, scattosa, fragile: non è una voce che arriva da un tempo passato e neppure dal futuro, ma appartiene al presente, a chi sta veramente vivendo le parole pronunciate in quel preciso istante.

Anche la scenografia, un interno di casa poco abitabile, rispecchia la mente della protagonista che "sceglie di sbriciolarsi in mille frammenti confusi" raffigurati visivamente con specchi, cocci, cornici vuote e orologi rotti. Gli elementi presenti sulla scena creano un percorso ad ostacoli distribuito sul pavimento ricoperto di terra, unico elemento vivo, compatto, sicuro.

Così come la scenografia anche la scrittura è frammentata in piccoli spezzoni poetici che si legano insieme fino a creare un flusso di pensieri.
Elenchi di sentimenti, di stati d'animo si confondono con l'elencazione di medicinali, psicofarmaci, e più ci si addentra nel monologo e si scava nella solitudine e nella sofferenza, più i personaggi si sdoppiano e dialogano tra loro attraverso l'unica voce narrante dell'attrice.

L'affermazione del fallimento di una vita costellata di dolori e sofferenze sembra prendere il sopravvento eppure, proprio nel momento in cui tutto sembra perduto, un barlume di speranza torna quando, aprendo le tende, la luce illumina il buio.

Valentina Dall'Ara

Ultima modifica il Martedì, 19 Novembre 2013 09:28

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

Twitter Feed

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.