mercoledì, 18 ottobre, 2017
Sei qui: Home / 0 - 9 / 32 RUE VANDENBRANDEN - concept e direzione Gabriella Carrizo, Franck Charter

32 RUE VANDENBRANDEN - concept e direzione Gabriella Carrizo, Franck Charter

32 Rue Vandenbranden 32 Rue Vandenbranden Concept e direzione Gabriella Carrizo, Franck Charter

concept e direzione Gabriella Carrizo, Franck Charter
drammaturgia Nico Leunen, Hildegard De Vuyst
danza e creazione Seoljin Kim, Hun-Mok Jung, Marie Gyselbrecht, Jos Baker, Sabine Molenaar, Erudike De Beul
produzione Peeping Tom; coproduzione KVS Brussel, Künstlerhaus Mousonturm Frankfurt am Main, Le Rive Gauche Saint-Etienne-du-Rouvray, La Rose des vents - scène nationale Lille Métropole - Villeneuve d'Ascq, Theaterfestival Boulevard 's-Hertogenbosch, Theaterhaus Gessnerallee Zürich, Cankarjev Dom Ljubljana, Charleroi/Danses, Centre chorégraphique de la Communauté française de Belgique
un ringraziamento speciale a Théâtre de la Ville, Paris con il supporto di Flemish Government
Parma Teatro Due Spazio Grande, 20 novembre 2012

www.Sipario.it, 28 novembre 2012

Cosa succede al numero 32 rue Vandenbranden? Accade che sotto un cielo invernale, in una landa desolata e innevata la vita e la disperazione siano spiate dalle finestre di tre prefabbricati, succede che morte e vita convivano in un divenire che toglie il respiro, succede che l'immaginazione possa prendere il sopravvento sulla realtà e che le relazioni siano prigioni da cui è impossibile uscire. Cosa accade in scena se non altro che l'assommarsi di situazioni di cui spetta allo spettatore ricomporre il senso, laddove il senso in questione non narra ma presenta condizioni d'esistenza. Il pianto di un bambino e la netta impressione che quel piccolo venga soffocato nella neve aprono 32 rue Vandenbranden. La figura di una donna androgina vistosamente incinta, un matrimonio che non può che richiamare alcuni quadri di Chagall, e ancora quelle scene di vita spiata da dietro le finestre dei tre prefabbricati che compongono la piccola comunità montana (?) richiamano alla mente alcune tele di Hopper. E poi c'è nella disperazione del volto di uno dei personaggi di quella comunità il richiamo all'Urlo di Munch, piuttosto, a particolari del Giudizio Universale di Michelangelo. Primaria fonte d'ispirazione per questo spettacolo è stata l'opera di Shohei Imamura La Ballata di Narayama, in cui un'anziana donna viene portata dal figlio a morire sulla sommità del monte Narayama, ma se questo è lo spunto, ciò che accade in scena è un intrecciarsi di relazioni, di conflitti fra quei personaggi che isolati vivono contrasti e sospetti non necessariamente reali, forse semplicemente immaginati, spiati appunto da fuori, da oltre quelle finestre che fanno parere cose come non sono. Gabriela Carrizo e Franck Charter costruiscono una partitura coreografica ed espressiva di rara intensità, fanno dei corpi dei danzatori/attori dei segni che scavano il disagio dell'anima, che denunciano solitudine e disperazione, che scoppiamo in atti di violenza e al tempo stesso appaiono in balia di un mondo e di uno spazio che nulla concede alla speranza e forse alla vita stessa. Quel cielo plumbeo sovrasta tutto e tutti, quegli uomini danzano la loro disperazione, il bisogno di relazioni, la condanna alla solitudine e lo fanno usando una fisicità nervosa, espressionista, incisa nello spazio. Manca il respiro assistendo a 32 rue Vandenbranden perché ciò che accade davanti agli occhi dello spettatore ha tutta l'indeterminata e feroce casualità del vivere a cui noi – per pura disperazione – cerchiamo di dare un senso.

Nicola Arrigoni

Ultima modifica il Mercoledì, 07 Agosto 2013 10:23

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

Twitter Feed

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.