sabato, 17 agosto, 2019
Sei qui: Home / U / UTE LEMPER. LAST TANGO IN BERLIN - con Ute Lemper

UTE LEMPER. LAST TANGO IN BERLIN - con Ute Lemper

Ute Lemper. Last tango in Berlin Ute Lemper. Last tango in Berlin Ute Lemper

Produzione: tour organizzato in esclusiva italiana da Just in Time - Mauro Diazzi
Interpreti: Ute Lemper con Vana Gierig (pianoforte) e Marcelo Nisinman (bandoneon)
Trieste, Politeama Rossetti 8 gennaio 2013

www.Sipario.it, 21 gennaio 2013

La sua allure e il suo charme ricordano le dive di un tempo che come un basilisco possono uccidere con lo sguardo. La sua voce ha la forza dirompente di un fiume in piena, che travolge e va al di là di qualsiasi aspettativa. Star internazionale, carismatica, dal talento versatile, l'artista tedesca Ute Lemper ha ormai calcato le scene dei teatri più prestigiosi del mondo e ha inciso per le maggiori case discografiche. Come solista si esibisce ora in un concerto dal colto fascino novecentesco, proponendo con la sua cifra decisa e insieme suadente, pagine di autori ammalianti come Astor Piazzolla, Kurt Weill e Jacques Brel. Intitolato "Last tango in Berlin. From Brecht in Berlin to the bars of Buenos Aires", è un cortocircuito musical-linguistico cantato e parlato dove trascolora mirabilmente dal tedesco, sua lingua madre di cui sa trasmettere intonazioni espressioniste ed accenti affatturanti, al francese intimista, dall'inglese confidenziale allo spagnolo sensuale. Un viaggio fatto di note, atmosfere, sentimenti che prende vita da una dichiarazione di amore totale ("Ich bin vom Kopf bis Fuß auf Liebe eingestellt"), cavallo di battaglia della divina Marlene. "Se la Dietrich non avesse nient'altro che la voce potrebbe spezzarti il cuore. Ma ha anche un corpo stupendo e il volto di una bellezza senza tempo..." Sono le parole con cui Ernest Hemingway confessa la sua adorazione per la femme fatale per antonomasia del primo Novecento. Sembrano confarsi perfettamente anche alla bionda e sinuosa Ute che strega la platea con un fascino un po' retrò e regala un'esperienza comunicativo-emozionale indimenticabile. Cittadina del mondo ma stanziale ora a New York, dalla Lola dell'Angelo Azzurro e dalla Lili Marleen, immerse nei fumosi locali del cabaret tedesco, passa alle notti malinconiche parigine di Ne me quitte pas, alle vibrazioni del tango d'oltreoceano di Piazzolla (Yo soy Maria). E ancora sposa il Brecht – Weil di Mecky Messer e le malinconie di Nino Rota (Amarcord), sfoderando un mirabile genio interpretativo e un vocabolario gestuale di intensa seduzione. Un gioco di confidenze col pubblico che rimbalza tra spartiti e città, tra ieri e oggi, inseguito dal raffinatissimo accompagnamento musicale di Vana Grieg (pianoforte) e Marcelo Nisinman (bandoneon).
Un trionfo.

Elena Pousché

Ultima modifica il Lunedì, 22 Luglio 2013 08:24
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.