domenica, 18 agosto, 2019
Sei qui: Home / H - I - J - K / HISTOIRE DU SOLDAT - voce recitante Patrice Chérau

HISTOIRE DU SOLDAT - voce recitante Patrice Chérau

Histoire du soldat Histoire du soldat Voce recitante Patrice Chérau

di Igor Stravinskij
per voce recitante e ensemble da camera
direttore: Daniel Barenboim, voce recitante: Patrice Chérau
Francesco De Angelis, violino; Giuseppe Ettorre, contrabbasso; Fabrizio Meloni, clarinetto; Gabriele Screpis, fagotto; Francesco Tamiati, cornetta; Giuseppe Grandi, trombone, Gabriele Bianchi; percussioni (Serata straordinaria dedicata alle Università e alle Scuole milanesi)
Milano, Teatro alla Scala, 6 dicembre 2007

Il Manifesto, 9 dicembre 2007
L'«Histoire du soldat» incanta gli studenti Milano

Che felicità vedere nella sala del Piermarini, la sera prima dell'inaugurazione, tanti giovani studenti che occupano le poltrone destinate poi ai vip della politica e della finanza. È la «serata straordinaria dedicata alle Università e alle Scuole Milanesi» dal Teatro alla Scala, con prezzi popolarissimi, che non superano i 15 euro a posto. Sul palcoscenico gli stessi artisti che firmano l'opera inaugurale, Barenboim e Chéreau, danno vita, come direttore e come voce recitante, all'Histoire du soldat di Stravinskij, la favola del soldato e del diavolo allestita su testo di Ramuz nel 1918 come modello di teatro povero. A suonare ci sono sette preziosi solisti dell'orchestra della Scala (Francesco De Angelis, violino; Giuseppe Ettorre, contrabbasso; Fabrizio Meloni, clarinetto; Gabriele Screpis, fagotto; Francesco Tamiati, cornetta; Giuseppe Grandi, trombone, Gabriele Bianchi; percussioni).
C'è emozione fra gli interpreti; Chéreau sbaglia il suo attacco, ma si rivela poi il vero mattatore della serata. Alterna voci diverse per i diversi personaggi, si muove felinamente intorno agli strumentisti, corregge a tratti il testo di Ramuz. Barenboim tiene insieme con sapienza il complesso strumentale, punta su uno Stravinskij più cordiale e comunicativo che non ritmico e oggettivo. I musicisti si abbandonano con complicità al tango, al valzer, al ragtime. Si sente che non c'è stato tempo per molte prove, ma è secondario. Conta soprattutto l'attenzione e l'entusiasmo del pubblico giovanile, che sembra essere preparato; molti seguono gli appunti presi a scuola durante qualche lezione. Bella iniziativa, dunque, questa che a ridosso del rito ambrosiano vuole mostrare l'altra Scala, quella solidale degli anni migliori.
Tutto per bene dunque? Rimane il problema di come portare alle recite di tutti i giorni gli stessi giovani. Guardando i loro abiti informali, si riflette che non sarebbe del tutto inutile l'abolizione di ogni dress code.

Arrigo Quattrocchi

Ultima modifica il Lunedì, 22 Luglio 2013 08:17
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.