lunedì, 10 dicembre, 2018
Sei qui: Home / F / FANCIULLA DEL WEST (LA) - regia Hugo De Ana

FANCIULLA DEL WEST (LA) - regia Hugo De Ana

"La fanciulla del West" regia Hugo De Ana "La fanciulla del West" regia Hugo De Ana

di Giacomo Puccini
Opera in tre atti
Libretto di Guelfo Civinini e Carlo Zangarini,
dal dramma The Girl of the Golden West di David Belasco

Prima rappresentazione: New York, Metropolitan Opera, 10 dicembre 1910

Direttore | Juraj Valčuha
Regia, Scene e Costumi | Hugo De Ana
Light Designer | Vinicio Cheli
Assistente alla regia | Filippo Tonon
Assistente alle scene | Manuela Gasperoni
Assistente ai costumi | Concetta Nappi
Projection Designer | Sergio Metalli
Nuova Produzione del Teatro di San Carlo 

Minnie, Emily Magee / Rebeka Lokar 

Dick Johnson, Roberto Aronica / Marco Berti 

Jack Rance, Claudio Sgura

Nick, Bruno Lazzaretti
Ashby, John Paul Huckle
Sonora, Gianfranco Montresor
Sid, Paolo Orecchia
Trin, Antonello Ceron
Bello, Tommaso Barea
Harry, Orlando Polidoro
Joe, Enrico Cossutta
Happy, Ivan Marino
Larkens, Donato Di Gioia
Billy Jackrabbit, Enrico Marchesini
Wowkle, Alessandra Visentin
Jake Wallace, Carlo Checchi
José Castro,  Francesco Musinu
in coproduzione con ABAO OLBE
Orchestra e Coro del Teatro di San Carlo 
Napoli, Teatro San Carlo dal 9 al 17 dicembre 2017

www.Sipario.it, 10 gennaio 2018

Quanto amasse gli States Giacomo Puccini è facilmente intuibile dalle sue presenze soprattutto a New York e dall'interesse che nutriva per quella parte di mondo che era così distante dalla sua Lucca. Eppure il genio di Puccini sapeva ben marcare ciò che sarebbe divenuto futuro; lo faceva dall'inizio della sua carriera, figuriamoci poi che con il progresso tutto ciò non potesse essere o divenire realtà. Eppure Puccini, un po' come Salgari, preannunciava il futuro, il suo avvenirismo era così forte ed essenziale che solo la mancanza del suo tempo di vita non gli permise di veder compiute molte delle sue intuizioni di cui aveva riempito le sue opere. Non c'è dato da sapere pertanto se in un tempo remoto Puccini poteva mai sapere a cosa avrebbe portato il teatro musicale quel suo fantasticare sulle ali del futuro. Sta di fatto che proprio negli ultimi quadri della sua vita si delineano opere di estrema rarità e di forza creativa. Se la Turandot fosse solo l'epigono di un progetto più amplio non lo sapremo mai, certamente però sappiamo come l'uso di armonie nuove, di linguaggi meno classici di quelli europei lo portò a concepire veri manuali di composizione come la Madama Butterfly o come La fanciulla del West. Quest'ultima opera, scritta pochi anni prima della sua morte, Puccini la concepì con una fortissima idea di teatralità. Belasco fu il complice (lo stesso della Madama) ed insieme costruirono quello che può essere oggi il vero prodomo di Broadway. La fanciulla se non fosse stata scritta da Puccini poteva essere un'opera di Gershwin o di Porter. Eppure, anche in questo Puccini fece sorridere gli dei con qualche cosa che neanche suo nonno organista avrebbe mai potuto immaginare possibile dalle gesta eroico intellettive del suo famosissimo nipote. Quest'anno il Teatro di San Carlo di Napoli ha ripreso dopo tanti anni un nuovo allestimento dell'opera pucciniana. Sul podio il direttore stabile Juraj Valchua. Rebeka Lokar Minnie, Marco Berti Dick Johnson, Claudio Sgura Jack Rance e poi Bruno Lazzaretti, John Paul Huclke, Gianfranco Montresor. Regia di Hugo de Ana. Valchua ha giocato gran parte della sua professionalità proprio sul costruire il suono sinfonico della partitura, un esempio di lirica molto vicina agli ideali novecentisti. La sua maestria è stata veramente tale da dare alla compagine napoletana un suono pulito, definitivo, potente ed intrigante. Rebeka Lokar è stata una Minnie interessante sorretta in quell'eterno dialogo fra la vita e la morte rappresentato da Jack Rance molto ben interpretato da Claudio Sgura. E la scena della partita a poker come fa a non richiamare la scena della partita a scacchi di bergmaniana memoria? Ma come sempre è l'amore che arriva a novità tellurica in Puccini ed è rappresentato da Dick Johnson un po' eroe al contrario interpretato con enfasi da Marco Berti. Il tutto nelle scene fedeli al passato, nei movimenti di un Chaplin e di una scena sempre effervescente dove si gioca fra Boheme e il cabaret. Quello che vince però in Puccini è sempre e solo il senso della vita, disperata, infinita, straziata ma fondamentalmente la vita, che nel caso della Fanciulla è nel canto di un addio, voluto o non voluto sarà veramente ciò che farà di Puccini il grande inventore del musical.

Marco Ranaldi

Ultima modifica il Mercoledì, 10 Gennaio 2018 23:08

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.