venerdì, 18 gennaio, 2019
Sei qui: Home / Cinema / Habemus Nanni. Lessico Morettiano: Architettura di un autore - di Maurizio Fantoni Minnella

Habemus Nanni. Lessico Morettiano: Architettura di un autore - di Maurizio Fantoni Minnella

Moretti NanniAPMaurizio Fantoni Minnella
HABEMUS NANNI. LESSICO MORETTIANO: ARCHITETTURA DI UN AUTORE
Diabasis, Parma, Euro 12.00, pp. 95
(CINEMA - Alberto Pesce)

Come cane sciolto senza collare, geloso della propria solitudine ma anche curioso della vita altrui, pronto a chiudersi a riccio m anche illuso di poter comunicare fuori nicchia con disperata ricerca di normalità, Nanni Moretti, autore-regista e attore, con i suoi film ormai da quarant'anni, in un pullulare di rifrangenze tra pubblico e privato, è alla cerca di modi e tempi ritmicamente giusti per specchiarsi nella propria identità-diversità e insieme costringere anche gli altri al proprio specchio.
Di questo cinema di Moretti, alter-ego o in proprio che sia, dentro e fuori dalla storia che racconta, il saggista Maurizio Fantoni Minnella non si limita a inquadrare l'apparizione in prospettiva storica, "solo vero rappresentante del nuovo", dopo "autartico isolamento" nel primo Novecento, effimera stagione neorealistica, "cortocircuito culturale e linguistico" della commedia all'italiana. Con minuzioso incrocio di immaginario sonda nel profondo "l'architettura di un autore" come quella morettiana, di una causticità intrigante, da anticommedia, dopo Io sono autartico (1976) nei primi film da Ecce Bombo (1978) a Palombella rossa (1989) si serva di Michele Apicella "finestrella d'autore", o in Caro diario (1993) si presenti nome e cognome con la sua orgogliosa unicità di "splendido quarantenne", o da Aprile (1998) e La stanza del figlio (2001) sino a Mia madre (2015) si introfletti in una "apologia familista" sia pure "secondo un cliché di decoro piccolo borghese".
Lo studioso ne lamina l'analisi lungo una cinquantina di lemmi, in alfabetica successione dal triplice A (Alter-ego, Amici, Autocoscienza) al duplice V (Vespa e Violenza), e lascia intravedere in filigrana, dopo il picco autoriale di Palombella rossa (1989), personali riserve per film come La stanza del figlio e Il Caimano (2006), di eccessivo morettismo autoreferenziale.

 

 

 

 

 

 

Ultima modifica il Lunedì, 11 Aprile 2016 07:20

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.