Stampa questa pagina

Carlo Mazzacurati - a cura di Antonio Costa

Carlo Mazzacurati - a cura di Antonio Costaa cura di Antonio Costa
CARLO MAZZACURATI
Marsilio, Venezia, euro 12.50, pp.175
(CINEMA - Alberto Pesce)

Dal felice esordio col lungofiction Notte italiana (1987) tra acque e boschi del Delta Padano, e dopo da Parise il troppo rinsecchito Il Prete Bello (1989), con Un'altra vita (1992) mediazione interpretativa di un disorientato quotidiano di solitudine, sino a quello sguardo con La giusta distanza (2007) lucidamente comprensivo su scorci e personaggi di una realtà paesana del Delta tra arcaismi e postmodernità, e ai due "testamentari" La passione (2010) e La sedia della felicità (2013) ai limiti di un picaresco incantamento, Carlo Mazzacurati, magari a corrente alternata tra colpi d'ala e flop d'energia, ci mostra innato quel suo gusto per personaggi d'anima, in cui anche il colore del paesaggio si salda al destino degli uomini, e, di riflesso, quel tema di fondo, anche più scoperto in film come Il toro (1994) o Vesna va veloce (1996), dell'andare, nell'illusiva prospettiva di un miraggio, fascino d'avventura ma anche fuga da un sistema di vita inaridito e confuso.
Ora, ad un anno dalla sua scomparsa, dodici studiosi in un volume collettaneo a cura di Antonio Costa, di Mazzacurati, film dopo film, inclusi documentari e ritratti, mettono a fuoco poetica d'autore e commistione di generi, radicalità veneta e suggestioni "on the road" verso nuove frontiere. Costa fa discorso a parte per Il Prete Bello confutando perplesse valutazioni della critica d'epoca, ma in premessa ne fa quadro da alcune specifiche angolature. Sono la cinefilìa di Mazzacurati, "visione di film come esperienza esclusiva e assoluta", da cui il 16 mm. di Vagabondi toscano in chiave americana "alla maniera di Wim Wenders"; lo "straniamento" degli anni romani; i primi tre film "momenti inaugurali" di maturativa regìa con quei suoi tempi sospesi come " tempi dell'attesa"; e documentari e ritratti come "parola nel suo farsi" e " ricordo nel suo venire alla luce".

Alberto Pesce

 

 

 

Ultima modifica il Domenica, 19 Aprile 2015 09:02

Articoli correlati (da tag)

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.