sabato, 17 novembre, 2018
Sei qui: Home / Cinema / Le ceneri del passato. Cinema racconta la grande guerra - di Giuseppe Ghigi

Le ceneri del passato. Cinema racconta la grande guerra - di Giuseppe Ghigi

Le ceneri del passato. Cinema racconta la grande guerra - di Giuseppe GhigiGiuseppe Ghigi
LE CENERI DEL PASSATO. CINEMA RACCONTA LA GRANDE GUERRA
Rubbettino, Saverio Mannelli (CZ), euro 16.00, pp.261
(CINEMA - Alberto Pesce)

Come il cinema, dell'epoca e dei decenni successivi, abbia raccontato della Prima Grande Guerra euforie ed orrori, lo rievoca Giuseppe Ghigi, studioso esperto di filmografie belliche e aggiornatissimo sulla pubblicistica in argomento. Non ne fa un saggio cronologico, ma distende una pluralità di prospettive con ampi agganci storici e culturali.
Anzitutto, quell'eccitazione di militari e civili "ebbri di rose e miopi" che precipita nel raggelante risveglio di una "critica delle armi". Poi, la guerra come iniziatica esperienza formativa, tra cameratismo e dura disciplina. Quindi, via via, "cecità mentale" che si fa "cecità visiva", in Francia per una iconografia cristallizzzata sulla lontana guerra del 1870, negli USA per una anacronistica visività eroica che risale alla Guerra di Secessione, in Italia con una "impronta deamicisiana, risorgimentale, melodrammatica"- Ecco, tra i "punti ciechi" cavalli "ormai arma sorpassata", sciabole e baionette "codici del passato", impreparazione e miopìe di comandi militari e abbigliamenti ottocenteschi, "scarsa appetibilità cinematografica" delle "zone morte" , sia pur con un "gioco di specchi" tra documenti (veri) e finzioni (false).
Perciò, salvo qualche ripresa isolata, è "polverizzazione della battaglia reale" con una rappresentazione " cubista" degli scontri, sempre con rispetto dei due livelli diegetici, in collettivo di scena eroe attore singolo, magari anche al femminile, di contro a stereotipi cliché del nemico. Soprattutto nel dopoguerra, specie da Hollywood, sono film che finiscono per prediligere "un episodio nella vita individuale, familiare,una parentesi orribile che si ricompone in un lieto fine", dentro una dolente elaborazione del lutto trattata con un certa misura e sentimentalmistura per non perdere incassi deludendo evasive attese del pubblico.

Alberto Pesce

 

 

Ultima modifica il Giovedì, 05 Marzo 2015 19:55

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.