lunedì, 29 maggio, 2017
Sei qui: Home / W - X - Y - Z / WORKWITHINWORK / ROSSINI CARDS - coreografia William Forsythe e Mauro Bigonzetti

WORKWITHINWORK / ROSSINI CARDS - coreografia William Forsythe e Mauro Bigonzetti

"workwithinwork" - coreografia Mauro Bigonzetti "workwithinwork" - coreografia Mauro Bigonzetti

WORKWITHINWORK
coreografia di William Forsythe
musica di Luciano Berio
Duetti per due violini, vol. 1 (1979-83)
scenografia e luci di William Forsythe
con i ballerini di Aterballetto
costumi di Stephen Galloway
messa in scena di Francesca Caroti e Allison Brown
produzione Fondazione Nazionale della Danza

ROSSINI CARDS
coreografia di Mauro Bigonzetti
musica di Gioachino Rossini
con i ballerini di Aterballetto
consulenza musicale e pianista Bruno Moretti
costumi di Helena Medeiros
luci di Carlo Cerri
produzione Fondazione Nazionale della Danza, Fondazione Teatro Comunale di Modena

Interpreti: Noemi Arcangeli, Saul Daniele Ardillo, Damiano Artale, Hektor Budlla, Alessandro Calvani, Martina Forioso, Johanna Hwang, Philippe Kratz, Marietta Kro, Ina Lesnakovski,Valerio Longo, Ivana Mastroviti, Riccardo Occhilupo, Giulio Pighini, Roberto Tedesco, Laura Nicole Viganò, Serena Vinzio, Chiara Viscido

Trieste, Politeama Rossetti 13 maggio 2014

www.Sipario.it, 25 maggio 2014

Il codice coreografico dell'americano Wiliam Forsythe e quello di Mauro Bigonzetti si confrontano in modo serrato, tra antitesi e similitudini, nella performance "Workwithinwork / Rossini cards" che l'Aterballetto ha riservato a Trieste per la chiusura del cartellone Danza del Teatro Stabile regionale. Un confronto che si è esteso anche alle partiture, rispettivamente di Luciano Berio e di Giochino Rossini, regalando un dittico di grande intensità espressiva votato all'esplorazione delle potenzialità dell'espressione corporea.
L'ensemble italiano di prestigio internazionale ha ancora una volta testimoniato il suo impegno nella danza intesa come "dinamica e forma nello spazio", che parla attraverso un linguaggio assoluto in una quête continua di purezza estetica e dialogo con l'elemento musicale.
Cullato emotivamente ma pure analiticamente dai Duetti per due violini, vol. 1, Forsythe si affranca da ogni convenzione, estrapolando dalle tecniche classiche plasticità e movimenti di esasperato atletismo. I danzatori sono numerosi (diciotto), così come caleidoscopiche sono le traiettorie delle loro figure dai costumi colorati ma minimali: appaiono come corpi in assestamento che, inizialmente, non danzano all'unisono ma ostentano gesti sgraziati e vorticosi. S'impongono altresì come corpi in libertà in pas de deux, de six, de huit ... in momenti statici. Anarchici, ricchi di pathos, insofferenti, anelanti a sposare l'energia di quella "musica nervosa, deflagrata in un universo di brevi frammenti" intertestuali, escono dalla scena dopo l'esibizione o rimangono a guardare gli altri.
Bigonzetti risponde a tale imprevedibilità interpretando le categorie della musica rossiniana come un catalogo dionisiaco delle emozioni umane. In un divertissment di potente creatività le cards citate nel titolo sono immagini buffe, drammatiche, quotidiane, sensuali, spensierate che si susseguono a ritmo incalzante sul palcoscenico, celando tra tanta geometrica ed astratta leggerezza asperità tecniche e virtuosismi. Lo spettatore rimane piacevolmente sorpreso soprattutto dalle "cartoline" più ironiche e corali della performance: la cena elegante a lume di candela, inondata dal vitalismo di un'aria rossiniana, che si anima con una particolarissima coreografia di corpi seduti dove tutto può succedere e la clownerie finale del serpente formato da ballerini nerovestiti che scherzano sull'ouverture della Gazza ladra.

Elena Pousché

Ultima modifica il Domenica, 25 Maggio 2014 21:11

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

Twitter Feed

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.