lunedì, 11 dicembre, 2017
Sei qui: Home / T / TRAVIATA - coreografia Monica Casadei

TRAVIATA - coreografia Monica Casadei

"Traviata", coreografia Monica Casadei. Foto Marco Caselli "Traviata", coreografia Monica Casadei. Foto Marco Caselli

coreografia, regia, scene, luci e costumi di Monica Casadei
assistente alla coreografia Elena Bertuzzi
musiche di Giuseppe Verdi
elaborazione musicale di Luca Vianini
drammaturgia musicale di Alessandro Taverna
con Francesca Cerati, Melissa Cosseta, Roberta De Rosa, Gloria Dorliguzzo, Samuel Moretti, Angela Valeria Russo, Emanuele Serrecchia, Filippo Stabile e Francesca Ugolini
produzione Compagnia Artemis Danza/Monica Casadei
coproduzione Fondazione Teatro Comunale di Ferrara con il contributo di Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Emilia Romagna-Assessorato alla Cultura, Provincia e Comune di Parma
visto al teatro Comunale di Casalmaggiore, 29 aprile 2016

www.Sipario.it, 9 maggio 2016

Da Traviata alla recente Carmen, fresca di debutto al Comunale di Bologna, Monica Casadei di Artemis Danza attraverso il progetto Corpi d'Opera ha intrapreso un viaggio coreografico volta a raccontare le eroine del melodramma, fra le altre Isotta e Tosca. Traviata è il primo tassello di un vitinerario, partito nell'ambito del bicentenario della nascita del compositore di Busseto, proposto al Comunale in occasione della Giornata internazionale della danza. Monica Casadei ha lavorato sul femminile di Violetta, ne ha esaltato non solo la vocazione seduttiva, ma anche lo scarto sensuale ed emotivo che porta alla condanna sociale, alla malattia poi e infine alla morte. Violetta si moltiplica, è corpo seduttivo con in mano i calici del celebre libiam, corpo che sfila le convenzioni, ma anche corpo che sanguina per amore, in uno spazio in cui il maschile è rappresentato da un coro di danzatori e danzatrici di nero vestiti. Ed è così che quell'E' tardi diventa la chiave di una corsa contro il tempo, di un rotolare lungo la china di un abisso che mette a confronto amore che brucia e rispettabilità sociale che soffoca, in cui il bianco dice di una purezza convenuta e di convenzione e il rosso di una passione inconfessata e inesprimibile. Monica Casadei mette in scena sull'elaborazione musicale curata da Alessandro Taverna un disegno coreografico che strizza l'occhio a certo visual theatre e risente di tante, forse troppe eco coreografiche che si assommano, suggestionano. A tratti si ha comunque l'impressione di un girare a vuoto, di un compiaciuto estetismo. La numerosa compagnia si staglia su un fondale nero, il procedere orizzontale dei quadri è tagliato dall'incedere in avanti dei protagonisti: Violetta, piuttosto che Alfredo, succube del padre, rapito nella spirale del 'si deve fare', del tacitare la passione per Violetta. Di impatto visivo è l'assolo di schiena di una Violetta che si fa corpo piegato, carne che esplode, movimento muscolare che inquieta, seduce e atterrisce al tempo stesso. Traviata di Monica Casadei è un rutilante gioco di effetti, è una composizione esteticamente ridondante che stordisce, procede per accumulo coreografico, si cita e ricita, si rigenera da se stessa con compiacente soddisfazione. Traviata di Monica Casadei e dei suoi strenui e generosi danzatori: Francesca Cerati, Melissa Cosseta, Roberta De Rosa, Gloria Dorliguzzo, Samuel Moretti, Angela Valeria Russo, Emanuele Serrecchia, Filippo Stabile e Francesca Ugolini si offre come un elegante esercizio di stile in cui il disegno coreografico franto, ora spigoloso ora pop, fatica a trovare l'adeguata incisività narrativa, preferendo la superficie dell'effetto alla profondità dell'agire. Il risultato di Traviata è un procedere per ammiccamenti che felicemente si porta via l'appaluso di un pubblico sodale e solidale che premia gli interpreti e la coreografa con calorosi applausi di consenso.

Nicola Arrigoni

Ultima modifica il Mercoledì, 11 Maggio 2016 09:51

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.