giovedì, 13 dicembre, 2018
Sei qui: Home / P / PUZZLE - coreografia Giulia Staccioli

PUZZLE - coreografia Giulia Staccioli

Puzzle Puzzle Coreografia Giulia Staccioli

ideazione e regia di Giulia Staccioli
con Jessica Gandini, Marta Agatiello, Elisa Mazzocchi, Giorgia Cafiero, Eleonora Di Vita, Leonardo Fumarola, Marco Ticli, Marco Canotti, responsabile di produzione Daniela Bogo
produzione Kataklò Athletic Dance Theatre
al Sociale di Soresina il 28 gennaio 2012

www.Sipario.it, 7 febbraio 2012

Un mondo di colori accesi, le discipline sportive: sci, ginnastica artistica, ciclismo in sottofondo, qualche cenno alle acrobazie circensi e tanta energia: queste sono le tessere che compongono Puzzle di Kataklò Athletic Dance Theatre. Si conferma – anche in questa ennesima miscellanea di pezzi consegnati alla tradizione del gruppo e nuove coreografie - la capacità attrattiva della compagnia di Giulia Staccioli che pur partendo dalla preparazione atletica dei suoi ballerini, si spinge con sempre più convinzione verso quel physical o visual theatre che ha nei Momix, in Philippe Genty ma anche in certo nouveau cirque i suoi punti di riferimento internazionale. Contesto a parte, Puzzle ha la rara capacità di intrattenere per oltre due ore un pubblico amico e disposto a sottoporsi al fascino cromatico e coreografico regalato dagli atleti/danzatori di Kataklò: Maria Agatiello, Elisa Bazzocchi, Giorgia Cafiero, Eleonora Di Vita, Leonardo Fumarola, Marco Ticli, Marco Zanotti. I Kataklò non si smentiscono, il loro pubblico lo sa, ma non manca ogni volta di stupirsi, di emozionarsi e sentirsi rincuorato e appagato da quei corpi che sembrano potere cose impossibili, che pensano e agiscano positivo, divisi fra eredità agonistico/sportive e tentazioni coreografiche. Insieme al classico numero delle biciclette e a quello degli sci — qui in versione orientaleggiante e dorata — Puzzle ha giocato fra ironia e suggestioni new age su una serie di quadri in cui l'energia e i corpi scolpiti dei ballerini declinano l'atletismo in movimenti coreografici di immediato impatto emotivo, in cui lo stupore per gli equilibrismi si coniuga con la piacevolezza atematica, per cui ciò che accade in scena è bastante a se stesso, è segno di armonia del movimento, è piacere per l'occhio. Il susseguirsi dei vari quadri frequenta il contesto circense con quel trapezio umano che ondeggia nell'aria, oppure i volteggi legati ad una pertica, o ancora il comporsi finale di un puzzle di scatole colorate che contengono i danzatori, ne definiscono con plasticità la flessuosità dei corpi. E alla fine è un festoso e inebriante batter di mani per ringraziare quei corpi alla Big Jim che saltano e rimbalzano sul palco per il piacere della platea entusiasta.

Nicola Arrigoni

Ultima modifica il Giovedì, 14 Marzo 2013 07:14
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.