giovedì, 24 maggio, 2018
Sei qui: Home / H - I - J - K / INFERNO - coreografia Emiliano Pellisari

INFERNO - coreografia Emiliano Pellisari

Inferno Inferno coreografia Emiliano Pellisari

di Emiliano Pellisari
Trilogia Divina Commedia
Teatro Vittorio Emanuele, Messina dal 27 al 29 gennaio 2012

www.Sipario.it, 14 febbraio 2012

MESSINA - L'Inferno di Dante, quello più amato dagli studenti e da mattatori teatrali del calibro di Gassman, Bene, Albertazzi, Benigni, nonché da una sfilza d'artisti artefici nei secoli di opere poetiche, musicali, pittoriche e scultoree, diventa ad opera di Emiliano Pellisari un balletto acrobatico che sfida le leggi della gravità. Infatti i sei funambolici danzatori, Mariana Porceddu, Annalisa Ammendola, Giulia Consoli, Gabriele Bruschi, Yara Molinari, Patrizio Di Diodato, sono riusciti a meravigliare il pubblico del Vittorio Emanuele, facendogli più volte esclamare dei lunghi ooohhh e uuuhhh! come può succedere assistendo alle acrobazie degli artisti del Cirque du Soleil o alle incredibili figurazioni dei tanto decantati Momix. Con la differenza qui che i sei danzatori agiscono sempre all'interno d'una nera cornice quadrata, chiusa da un velatino trasparente, somigliante ad un retablo, un tableau vivant i cui corpi in altorilievo fuoriescono dalla tela come è dato da vedere in quelle bianche pale barocche all'interno delle chiese nel medesimo stile o in alcuni spettacoli teatrali di Giorgio Barberio Corsetti. In questo Inferno di Pellisari le luci caravaggesche di Filip Marocchi, le musiche del genere etno, classica e ambient e gli effetti speciali si integrano felicemente con la danza, l'atletica circense, il mimo e le composizioni corporali spuntano dal buio come per incanto. Sembrano dei nipotini dell'Uomo Ragno questi sei danzatori che in un attimo li vedi salire e scendere dall'alto, formando quadrati rombi, triangoli, esagoni e poi, come quando si scuote un caleidoscopio, ecco ri-assumere delle figurazioni altre con grande godimento degli occhi. In alcuni momenti sembra di trovarsi davanti ad un dipinto di Hieronymus Bosch in cui i personaggi raffigurati si mettono in moto assumendo le sembianze più raccapriccianti. Ecco un totem umano somigliante alla Torre di Pisa. Paola e Francesca volano nel cielo con il libro galeotto. Gruppi di dannati cadono in terra come foglie morte. Sciamani arabi galleggiano sospesi nel limbo. Minosse immobile è sospeso al soffitto. Angeli e diavoli si combattono nello spazio in duelli virtuali. E' un Inferno in cui si annulla la fisica del reale e tutto appare come un sogno ad occhi aperti. Spettacolo unico, affascinante, salutato durante e alla fine da applausi oceanici.

Gigi Giacobbe

Ultima modifica il Venerdì, 11 Ottobre 2013 10:05

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.