giovedì, 22 agosto, 2019
Sei qui: Home / C / CIELO - coreografia e regia Emma Cianchi

CIELO - coreografia e regia Emma Cianchi

"Cielo", coreografia e regia Emma Cianchi. Foto Federica Capo "Cielo", coreografia e regia Emma Cianchi. Foto Federica Capo

coreografia e regia: Emma Cianchi

video creazioni: Gilles Dubroca

suono: Dario Casillo

testi: Manuela Barbato

costumi: Danilo Rao

luci: Gessica Germini

disegni e animazioni: Andrea Bolognino

Produzione Artgarage, Körper
collaborazione artistica: Michela Ricciardi, Marco de Alteriis
Al Teatro Bellini di Napoli, debutto il 4 e 5 dicembre 2018

www.Sipario.it, 27 gennaio 2019

Ha chiamato a raccolta un esercito di donne. Una massa sempre più compatta. Alle sedici danzatrici in scena aggiunge una passerella finale con donne – oltre sessanta - di diverse età e fisico, che entrano in scena sicure e spavalde, seduttive e naturali, in una sorta di defilè à la Bausch, che sancisce il potere femminile. Con Cielo la coreografa Emma Cianchi (di Artgarage - Körper) firma un lavoro di grande impatto visivo che attraversa la storia millenaria tra leggenda, scienza, filosofia e pura fantasia per dare vita, forma, voce all'universo muliebre. Sono tasselli di un mosaico immaginifico che ingloba, nella danza di matrice astratta, diversi linguaggi artistici: musica, parole, videoproiezioni. Un cielo azzurro è lo sfondo sul quale s'apre la scena illuminando una danzatrice in una sequenza che, tra suoni acquatici, da terra si erge con movimenti sinuosi svelando una nascita. All'apparire di una grande luna sul vasto schermo, un'altra donna vestita di nero avanza ingaggiando un duetto in cui la coppia si fonde, si abbraccia, ruota, si sorregge fino a confondersi poi con altre figure che via via entrano solitarie, quindi artefici di una nuova moltiplicata energia. Si susseguono stacchi e ricongiungimenti, assoli e coralità, pose scultoree e scatti dinamici, tra oggetti luminosi, stoffe dorate e specchi in mano. Scorrono fondali di nuvole, di muri colorati con richiami all'Oriente, all'esotico, alle storie delle civiltà. E poi versi poetici, frasi e parole sparse: "Io sono Iside, Ishtar, Venere, Maria...", su una musica suadente e melodica nel loop incalzante. La scena si arricchisce di simboli della galassia femminile, con figure mistiche, di divinità dipinte di nero e di ancelle, di culti ancestrali, di astri, mentre tra buio e luce sfila un magmatico comporsi di corpi che ruotano, avanzano e indietreggiano, fluttuano trasportate nell'aria, espellono dal cerchio e riconducono a sé. "Controllare la vertigine collettiva", sfuma una frase sul grande schermo orizzontale. Ed ecco le corse, il buttarsi sulle braccia di altre, sospingersi, piegarsi all'indietro, scivolare a terra, tornare a sorreggersi. Sono movimenti fluidi, nervosi, da contact, ora spezzati ora ciclici, sequenze di danza che, nella ripetitività che caratterizza il linguaggio danzato della coreografa napoletana, sembrano creare campi magnetici, vortici ipnotici. Che, in quella affollata passerella, infine ridottasi, che muove in molte direzioni, riunisce tutte sotto lo stesso cielo, "il legislatore universale".

Giuseppe Distefano

Ultima modifica il Lunedì, 28 Gennaio 2019 13:28

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.