giovedì, 16 agosto, 2018
Sei qui: Home / C / COME LE ALI - coreografia Roberto Zappalà

COME LE ALI - coreografia Roberto Zappalà

"Come le ali", coreografia Roberto Zappalà. Foto Serena Nicoletti "Come le ali", coreografia Roberto Zappalà. Foto Serena Nicoletti

(2° meditazione su Caino e Abele)
da un'idea di Nello Calabrò e Roberto Zappalà
dal progetto "Liederduett (due episodi su Caino e Abele)"

coreografia e regia Roberto Zappalà

musiche Johannes Brahms, Pan America, Scott Walker, Sunn 0))) & Boris
danzatori Adriano Coletta, Filippo Domini
luci e scene Roberto Zappalà
disegno costumi Veronica Cornacchini e Roberto Zappalà
realizzazione costumi e scene Debora Privitera
Liederduett é una co-produzione Scenario Pubblico
Compagnia Zappalà Danza -Centro di Produzione della Danza e Bolzano Danza/Tanz Bozen 
in collaborazione con KORZO (Den Haag, NL) e MilanOltre Festival
Prima assoluta 19/20 maggio 2018 Viagrande Studios, Viagrande (CT)
A Roma, teatro Biblioteca Quarticciolo, il 24 maggio 2018

www.Sipario.it, 8 giugno 2018

Se nel precedente Corpo a corpo il perimetro della scena era delimitato da un ring per la presenza di due veri boxeur, e cosparso, successivamente, da un quadrato di sale, in Come le ali - secondo step di "meditazione" su Caino e Abele, progetto di Roberto Zappalà che riunirà le due coreografie, ma variandone la struttura, a Bolzano Danza, sotto il titolo Liederduett - la scena-ring è circoscritta da un perimetro di candide piume che sembrano sospese nel mare nero del palcoscenico. L'avvio della coreografia è dato, anche qui come nel precedente, dal vociare invisibile di fan e dalla corsa da fermo di un danzatore, subito dopo, spostandosi in avanti, illuminato da una luce verde scaturita da una fonte a doccia che sfumerà in rosso e in giallo colorando quel serpeggiante corpo nascente esposto alla visione. Sul fondo avanzerà timidamente l'altro partner attraversando più volte il tappeto di piume per giungere, dopo sguardi reciproci di circospezione, al ricongiungimento. Identificatisi, i due, come chierichetti, incenseranno inizialmente il perimetro, quasi a sacralizzare quel luogo metafisico che li accoglie. L'incontro segnerà il riconoscimento dell'altro da sé, e l'intesa scaturita corroborerà un legame in crescita di scoperta, di condivisione, di affratellamento, di simbiosi. Se in Caino e Abele il coreografo catanese esplorava la violenza fratricida, qui l'indagine è rivolta alla riconciliazione, alla coesistenza armoniosa, all'utopia dell'unità tra gli esseri. Sono i temi di cui si nutre Zappalà e che alimentano in questi ultimi anni l'ambizioso progetto "Transiti Humanitatis", esplorazioni molteplici di temi della nostra cultura umanistica. Il duetto dei bravissimi Adriano Coletta e Filippo Domini tende a creare un nuovo organismo biologico unificato dalle due creature dai costumi chiazzati, calzamaglie mimetiche dai molti colori che li accomunano a piante e animali. I gesti, infatti, sono morbidi, fluttuanti, gli intrecci robusti, le prese veloci; a terra articolano gambe e piedi come arbusti; strisciano sinuosi, carponi; saltellano, rotolano; hanno scatti e figurazioni all'unisono, spalla a spalla, mano nella mano, in equilibri mutevoli che li vedranno ballare al ritmo di salsa, o infrangere le posture al variare del tessuto sonoro che spazia dal pop di Scott Walker della canzone Jackye, all'ambient di Pan American di Lights on water, dal Concerto n.2 per pianoforte di Brahms al metal di Sunn 0))) & Boris. Il cambio di registro aggiunge alla scrittura coreografica quella verbale facendo dire loro parole che affermano il loro sentirsi parte di un tutto: "Noi siamo le balene, loro sono gli squali; noi siamo gli agricoltori, i pastori, l'albero, la radice, il silenzio...". E una voce fuoricampo, forse Dio che li riconosce come sue creature, stendendo quel tono sul loro sostare inginocchiati guardando oltre, aggiunge nel finale: "Loro sono  una storia. Loro sono la... Storia. Lui è il rinoceronte, lui è l'uccello guardiano. Sono mutuali. Lui è lo squalo, lui la remora. Sono commensali. Lui è il crostaceo, lui invece la balena. sono inquilini. Lui è l'onda, e lui la particella. Sono la luce".

Giuseppe Distefano

Ultima modifica il Venerdì, 08 Giugno 2018 10:44

Video

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.