martedì, 28 marzo, 2017
Sei qui: Home / Recensioni / Sipario Scuola GE-CREMA / IL VISITATORE CHE FREUD NON SI ASPETTA

IL VISITATORE CHE FREUD NON SI ASPETTA

IL VISITATORE CHE FREUD NON SI ASPETTA

Micol Grasselli, V G Liceo Racchetti Da Vinci, Crema

Il Teatro San Domenico di Crema ha ospitato il 25 gennaio lo spettacolo Il Visitatore; un'intensa pièce scritta da Éric-Emmanuel Schmitt ed interpretata da una coppia  affermata nel contesto teatrale; Alessandro Haber nei panni di Freud e Alessio Boni in quelli di un forestiero non identificato.

Un angelo, un povero disgraziato  o forse Dio in persona?
L'ambientazione, i rumori degli spari e i canti che giungono dalla strada ci portano nell'Austria del 1938, da poco annessa al Terzo Reich, dove gli ebrei vengono perseguitati ormai incessantemente.
In una casa di Vienna, in Berggstrasse 19 precisamente, si rifugiano il famoso psicanalista e la figlia Anna, interpretata da Nicoletta Robello Bracciforti. Padre e figlia discutono su ciò che sta accadendo ed Anna, una donna tanto coraggiosa, esorta il padre alla fuga. L'appartamento nel quale vivono è la scena di ripetute visite di un ufficiale della Gestapo, corrotto, abilmente interpretato da Alessandro Tedeschi. Questi, dopo ripetuti scontri con la figlia, la porta via per degli accertamenti. Haber, magistralmente irriconoscibile, presenta straordinarie doti nell'adesione alla figura di padre, anziano, malandato e preoccupato per le sorti della figlia. 
La platea ha un attimo di sospiro quando dalla finestra spunta un inaspettato visitatore. Considerato in primis come un paziente, Freud scopre che è molto di più. Ha davanti l'individuo di cui ha sempre negato l'esistenza: Dio in persona, oppure un pazzo che si crede Dio? 
Si vengono così a creare discussioni sui massimi sistemi, che portano Freud a formulare la fatidica domanda: "se Dio esiste, perché permette tutto ció?". La regia di Valerio Binasco mette in scena più che uno spettacolo filosofico, uno scambio di idee e opinioni dove emerge la figura umana. L'opera non risulta in alcun momento pesante in ragione ai riferimenti filosofici; anzi molto intrigante e coinvolgente grazie al continuo botta e risposta dei due protagonisti, come voci crepitanti di uno scordato contrabbasso (Haber-Freud)  e un "indemoniato" violino (Boni-visitatore). Uno spettacolo che fa riflettere e nel contempo diverte, soprattutto per la sagace autoironia che da sempre contraddistingue i personaggi interpretati da Haber.

Ultima modifica il Venerdì, 06 Maggio 2016 08:23
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

Twitter Feed

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.