domenica, 24 settembre, 2017
Sei qui: Home / Recensioni / Sipario Scuola Bologna / RECENSIONE DELLO SPETTACOLO "SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE" - Gaia Minelli

RECENSIONE DELLO SPETTACOLO "SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE" - Gaia Minelli

RECENSIONE DELLO SPETTACOLO
"SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA 
ESTATE"
PER IL CONCORSO DehonReview

ISTITUO COMPRENSIVO N°9 BOLOGNA
SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO IL GUERCINO
NOME ALUNNO: Gaia Minelli
CLASSE E SEZIONE: 3D

Autore: William Shakespeare
Regia: Sandra Bartuzzi
Genere: commedia
Compagnia: Fantateatro
Cast: Umberto Fiorelli, Chiara Piazzi, Monalisa Verhoven, Tommaso Fortunato, Valeria Nasci, Odoardo Maggioni, Marco Falsetti
Teatro: Dehon, Bologna

Descrizione del contenuto: La figlia di Egeo, Ermia è costretta dal padre a sposare Demetrio anche se il suo cuore appartiene a Lisandro il quale ricambia il suo amore.

Lisandro dovrebbe sposare Elena la quale è, però, innamorata di Demetrio che non ricambia l'amore perché è veramente innamorato di Ermia e fa di tutto per farle cambiare idea. Un giorno Ermia confida ad Elena che lei e Lisandro hanno deciso di scappare nella foresta per impedire le rispettive nozze. L'amica sperando in qualche attenzione in più da parte di Demetrio gli riferisce dei progetti di Lisandro ed Ermia, così, lui, arrabbiato, parte per cercarli nella foresta seguito da Elena.
Intanto Oberon (Re degli elfi) dopo una litigata con Titania (regina delle fate)chiama Puck (un folletto) e gli dice di cercare un fiore magico che serve per far innamorare una persona: si mette sugli occhi della persona addormentata per farla innamorare del primo che vede difronte a lei al suo risveglio.Puck inizia la ricerca nella foresta dove incontraungruppo di paesani/attori: Sir Cotogna, Nick Bottom e un'altra ragazza, che stavano cercando di mettere in scena uno spettacolo. Il folletto senza farsi vedere riescea fare uno scherzo a Bottom trasformandolo in un asino che fa scappar via i suoi amici dalla paura. Dopo aver trovato il fiore, Puck, lo mette sugli occhi addormentati di Titania la quale quando si sveglia si trova davanti Bottom l'asino e se ne innamora. Oberon ordina poi di metterlo anche sugli occhi di Demetrio che aveva visto, non ricambiava l'amore per Elena. Puck però si sbaglia e anziché metterlo sugli occhi di Demetrio lo mette sugli occhi di Lisandro il quale quando si sveglia, trovandosi Elena davanti, se ne innamora lasciando Ermia in mano alla tristezza. Quando Puck si rende conto dell'errore cerca di rimediare mettendo il fiore anche sugli occhi di Demetrio che, quindi, si innamora di Elena. Elena, perciò, essendo corteggiata sia da Demetrio sia da Lisandro (che litigano per lei) si sente presa in giro anche da Ermia che prova a far tornare da lei il suo amato. Puck alla fine sistema le cose: Titania si rinnamora di Oberon, Bottom torna normale, Demetrio si innamora di Elena e Lisandro ed Ermia tornano insieme.
Valutazione dei personaggi: Gli attori che interpretano i quattro protagonisti, Demetrio, Lisandro, Ermia ed Elena, si sono calati molto nelle rispettive parti: Demetrio appare molto sicuro di sè e delle sue scelte di amore, Lisandro, a tratti insicuro, tenta di esternare i propri sentimenti poco ricambiato da Ermia. Quest'ultima, seppur molto coinvolta sentimentalmente da Lisandro, non sempre riesce ad esternare ciò che prova quindi rifiuta alcuni approcci del suo amato rendendo lo spettacolo a volte divertente. Elena, con il suo carattere debole e fragile cerca in tutti i modi di attirare l'attenzione di Demetrio, gelosa del suo interesse per Ermia. Sir Cotogna, Nick Bottom e l'altra ragazza sono personaggi molto simpatici e spesso fingono di essere impacciati, sbagliando appositamente alcune battute per attrarre la nostra attenzione divertendoci. Titania e Oberon mi sono parsi due personaggi molto permalosi e gelosi uno nei confronti dell'altro. Puck è un personaggio che fa ridere con i suoi atteggiamenti, la sua risatina quasi malvagia e le sue continue battute. La fatina da compagnia di Titania è molto servizievole nei confronti di quest'ultima e dispettosa verso le persone che la fanno irritare.
Scenografia: Una scenografia scarsa, statica ed essenziale rappresentata da alcuni alberi e rocce, animata però da un vivace gioco di luci e suoni che danno risalto e caratterizzano molto i personaggi che indossano costumi idonei al tipo di personaggio che rappresentano e all'epoca in cui si svolge la vicenda. In un angolo del palcoscenico si trova anche un arco utilizzato varie volte nel corso dello spettacolo.
Messaggio dell'autore e significati che si possono ricavare dalla rappresentazione: L'autore ci vuole dire di non smettere mai di sognare anche se i sogni a volte possono essere irrealizzabili...
La commedia si chiama "Sogno di una notte di mezza estate" perché si svolge tutto il 24 giugno , ovvero il giorno di San Giovanni Battista. San Giovanni Battista è morto decapitato quindi ha "perso la testa" materialmente mentre nel racconto i quattro protagonisti "perdono la testa" da un punto di vista sentimentale creando così questa atmosfera magica.
Parere personale: Ammetto che all'inizio quando mi è stato detto che andavamo a vedere questo spettacolo non avendo mai letto il libro non ero molto convinta che mi potesse interessare e piacere, poi, quando mi è stata spiegata un po' la trama con tutti questi amori ricambiati e non e dopo la visione dello spettacolo devo dire che mi sono ricreduta: lo spettacolo mi è piaciuto soprattutto perché nel corso della storia mi sono sentita molto coinvolta dai convincenti attori che mi hanno fatto anche ridere e non nascondo un pochino anche... sognare!

Ultima modifica il Venerdì, 02 Giugno 2017 05:08
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

Twitter Feed

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.