mercoledì, 21 novembre, 2018
Sei qui: Home / Recensioni / CINEMA / (CINEMA - Festa del Cinema di Roma) - "Kursk" di Thomas Vinterberg. - L'incombere della morte

(CINEMA - Festa del Cinema di Roma) - "Kursk" di Thomas Vinterberg. - L'incombere della morte

"Kirsk" di Thomas Vinterberg "Kirsk" di Thomas Vinterberg

Kursk
di Thomas Vinterberg
Con Matthias Schoenaerts, Léa Seydoux,
Colin Firth, Max von Sydow

Belgio, Lussemburgo 2018

L'incombere della morte

Alla Festa del Cinema di Roma è stato presentato Kursk, il nuovo angosciante film del regista danese Thomas Vinterberg. Il film è ispirato alla storia vera del K-141 Kursk, il sottomarino di punta della flotta russa che affondò nel Mare di Barents il 10 agosto del 2000 durante un'esercitazione. Dei 118 marinai dell'equipaggio a bordo solo 23 sopravissero alle prime esplosioni, rimanendo imprigionati nel sottomarino per giorni. Il film si focalizza sui tre principali punti di vista coinvolti nella vicenda: quello delle vittime in primis, ma anche quelli altrettanto significativi dei loro familiari e delle autorità governative e militari della Russia e dei paesi stranieri, la cui offerta di soccorso fu respinta per giorni.
Thomas Vinterberg si serve di una regia tipicamente scandinava che enfatizza il senso di realtà, conciliandosi in modo effettivamente interessante con la veridicità storica della vicenda. La cinepresa fluttua tra i personaggi catturandone momenti di vita e stati d'animo, come uno sguardo onnisciente ma anche destabilizzato e alla scoperta di nuovi dettagli. La prima inquadratura, in cui vediamo un bambino sott'acqua, ci annuncia sia il tema che il vero punto di vista della storia: l'acqua avrà un ruolo centrale nel film e tanto più la forza e il coraggio di resistere alla mancanza d'aria e di guardare in faccia la morte; gli occhi che assistono a questo dramma sono quelli di un bambino, la massima espressione dell'innocenza, ed è con lui che lo spettatore è chiamato a identificarsi.
Questo richiamo alla purezza dell'infanzia scandisce tutto il film e trova il suo apice in un commuovente finale. Fra le immagini più significative lo sguardo sconcertato di Tanya (Léa Seydoux) e del piccolo Misha, la moglie e il figlio di Mikhail Averin (Matthias Schoenaerts), comandante del compartimento 7 del Kursk, incarnazione nel film del sentimento di eroismo e responsabilità verso i propri compagni. Il suo è il personaggio più fisico e sofferente di tutto il film, circondato da altri giovani marinai che come lui sentono scaraventarsi sul proprio corpo l'agonia della morte. Il sottomarino diviene un infernale luogo di un dolore tanto fisico quanto spirituale, uno spazio angusto e claustrofobico dove l'oscurità lacera lentamente ogni speranza. Sulla terra ferma si scontrano varie forze opposte: l'amore, sentimento che anima le mogli e le famiglie dei marinai, in lotta contro le ragioni di Stato e la freddezza della politica, a cui si oppone anche la coscienza morale di alcuni personaggi di spessore, in particolare il commodoro David Russell, interpretato dall'attore inglese Colin Firth. Sono tante le figure che assistono e partecipano a questo dramma e per Vinterberg è centrale che la cinepresa si soffermi sui loro silenzi e sguardi turbati o malinconici.
Vinterberg combina in Krusk grandezza e spettacolarità con l'intimismo e la riflessività tipici della cultura scandinava e dell'Europa dell'Est, creando una miscela stilistica idonea a raccontare una tragedia verificatasi in Russia, con un'effettiva aderenza alle atmosfere e alla cinematografia di questa nazione. È stato attentamente selezionato un cast europeo che rispettasse quest'estetica e si amalgamasse bene con l'attore belga Matthias Schoenaerts, il primo ad essere coinvolto nel progetto, tanto da essere stato lui stesso a contattare Vinterberg per dirigere il film.
La lotta contro il tempo, un'apnea interminabile, la mancanza d'aria ... Kursk è angosciante e lacerante, con le sue esplosioni improvvise e l'apparente distruzione di ogni flebile speranza. Eppure la luce del sole continua a brillare e la sacralità della memoria preserva la bellezza di ciò che è stato.

Corinne Vosa

Ultima modifica il Mercoledì, 24 Ottobre 2018 07:00

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.