venerdì, 26 maggio, 2017
Sei qui: Home / Recensioni / Rassegna Festival / SHANGHAI ACT 2014

SHANGHAI ACT 2014

"La Cantatrice Calva" - regia Mattia Sebastian "La Cantatrice Calva" - regia Mattia Sebastian

Shanghai International Contemporary Theatre Festival (ACT), ideato e prodotto dallo Shanghai Dramatic Arts Center (SDAC), è un appuntamento internazionale annuale ed è il canale primario attraverso il quale SDAC introduce il teatro internazionale contemporaneo al pubblico nazionale e d'oltreoceano. Il Festival è giunto al decimo anniversario sotto la guida del direttore artistico Nick Yu Rongiun.

L'edizione di quest'anno ha proposto per la maggior parte testi del drammaturgo Jon Fosse oltre ad alcune riletture di grandi classici come quella storica di Tadashi Suzuki con "Tale of Re Lear" da Shakespeare, molti momenti perfomativi di giovani compagnie asiatiche, teatro-danza e puppet, oltre agli immancabili Beckett e Ionesco. Paesi ospitati: Irlanda, Hong Kong, Giappone, Russia, Italia, Iran, India, Cina, Australia, Inghilterra, Danimarca, Taipei, Germania.
Siamo andati a vedere la I-SCOT, incuriositi dall'idea di questa compagnia che in chiave veramente internazionale realizza spettacoli utilizzando la lingua nativa degli attori che presentava La Cantatrice Calva di Ionesco recitata in sette lingue.

La I-SCOT, International Suzuki Company of Toga, è stata fondata nel 2010 da Tadashi Suzuki e Ikuko Saito, con l'idea di riunire attori e registi, che avendo nella loro formazione un alto grado di preparazione del "Suzuki Actor Method Training" fossero in grado d'interagire sul palco usando l'energia come elemento primario e la propria lingua nativa.

Sono stati invitati a formare la compagnia: il regista Mattia Sebastian (Italia) e gli attori Kameron Steele (U.S.A, anche regista), Yan Yan Tarring (Cina) Gaia Rosberg (Danimarca) Jingsheng Gu (Cina) Song Wong (Corea) Chiara Nanti (Italia) Agnjia Leonova (Lithuania) a cui si sono aggiunti di volta in volta attori ospiti come Maki Saito, Daiske Ueda (Giappone, dalla SCOT Company) Benedetta Laurà (Italia, - recita in francese -) Bio Shao Long (Cina).

La cantatrice calva è l'opera simbolo del Teatro dell'Assurdo. Il termine che è stato coniato dallo studioso americano Martin Esslin, ingloba dalla fine del 1950, senza il loro consenso, autori prevalentemente europei come Beckett, Camus, Pinter, Arrabal, Albee, Genet e Dürrenmatt.

La cantatrice calva ha debuttato nel 1957 a Parigi, al Théâtre de la Huchette, ed è in scena da quel momento consecutivamente da oltre 60 anni raggiungendo un numero record di repliche.

shanghai02

Questa anti-commedia, come la definì lo stesso Ionesco, è la satira di una piccola borghesia che si va affermando nel dopoguerra. Il problema principale posto dall'autore è l'incapacità di non accettare le idee e i ruoli imposti dalla società, di condividerne gli slogan, di combattere l'idea di divenire "conforme" allo status sociale, costringendo l'uomo, o la coppia in questo caso, a rimanere imbrigliati nelle convezioni.
L'impostazione del vivere quotidiano dei personaggi ioneschiani rivelano così gli automatismi del linguaggio e dei comportamenti oramai privi di sentimento: parlare per non dire nulla perché non c'è niente di personale da dire, mancanza di vita interiore, la meccanicità della vita quotidiana, la perdita di identità.

Nella versione vista a Shanghai (dopo il debutto in Giappone) il regista Mattia Sebastian immagina il salotto di casa Smith, ove si svolge tutta la pièce e che potrebbe essere lo stesso salotto dei Martin, gli amici in visita, come l'emanazione della fantasia, della mente, o dello studio di casa Ionesco: i personaggi una volta creati, pirandellianamente parlando, sono rimasti vivi e condannati a ripetere sempre le stesse azioni, esattamente come i "conformisti" che restano imbrigliati nelle convenzioni imposte dalla società senza volerne o poterne uscire.

Un nuovo prologo, condotto dalla cameriera-russa (Agnjia Leonova) di casa Ionesco, ci informa che l'autore non c'è, ha lasciato la casa prima che Parigi scomparisse a causa di un incendio, ma i suoi personaggi sono rimasti lì con lei e tutte le sere alle 21 replicano La Cantatrice Calva, aspettando che Ionesco torni con qualche nuova idea.

Una muraglia di elastici tirati da pilastro a pilastro divide gli ambienti esterno-interno obbligando gli attori a divertenti e imprevedibili evoluzioni per entrare o uscire dalla scena, amplificando quel senso di costrizione che viviamo per affrontare o difenderci dalla vita, dalle emozioni, dalle difficoltà.

Gli elementi scenici, posati su un grande tappeto bianco, sono dei cubi grigi a forma di gabbia di diverse dimensioni che diventano di volta in volta gli elementi del salotto borghese, richiamando sempre quel senso di prigionia evocato dagli elastici. Quattro tazze e una teiera completano l'allestimento, simboli del celeberrimo tea-time inglese ma, come auspica Ionesco, qui diventano elementi vivi, e ribellandosi al ruolo di oggetto impostogli non consentono alle due coppie di gustare il loro momento di relax, costringendo gli Smith ed i Martin a sforzi sovrumani per portare le tazze alla bocca possedute improvvisamente da spinte di energia cinetica, il tutto sulle note di un valzer di Chopin.

La pièce è recitata in russo, inglese, francese, italiano, cinese, giapponese, con sottotitoli in cinese: un assurdo al suo apice. Ne nasce un gramelot concertistico vocale di grande interesse e d'impatto, anche emozionale. Gli attori, tutti bravi, fanno scivolare lo spettacolo con facilità nonostante l'impervio percorso linguistico o sonoro da memorizzare per rispondere a tono a tutte quelle lingue.

Spiccano Benedetta Laurà (recita in francese) che disegna una Signora Martin francesizzata dai mille colori boulevardier a cui si contrappone il bravo Kameron Steele che inglesizza e stilizza il suo sig. Martin.
Alle prese con il famoso duetto centrale del "Mi scusi signora..." i due attori lo snocciolano con grande fantasia per poi tuffarsi in un esilarante "duetto d'amor" sulle note di "Aime moi" di Claude Barzotti.

Chiara Nanti e Jingsheng Gu nei panni degli Smith sono una coppia composta da un'aspra padrona di casa che tiene a bada un allibito e contrito Sig. Smith.
Bio Shao Long è Mary la cameriera, qui in chiave "dark", a cui si contrappone la cameriera russa di casa Ionesco in chiave "blonde". Maki Saito, attrice della SCOT di Suzuki, è l'esplosivo pompiere che si presenta con un potente ed elegante ingresso sulle note di "Minnie the Moocher".

La regia di Mattia Sebastian è ricca di ironia e d'invenzioni a cui, però, contrappone il drammatico momento in cui i personaggi svelano la loro impotenza e cercano di uscire da questa gabbia che la società ha creato loro attorno - la coppia come una forma di coabitazione forzata e il condizionamento nelle proprie scelte - e lottano disperatamente con la struttura elastica per crearsi un varco per scappare, non dopo essersi tolti tutti gli indumenti (gli Smith e i Martin sono vestiti allo stesso modo).
Gli indumenti restano gli uomini scompaiono. Dopo di loro altri Martin e altri Smith verranno? Questo non è dato sapere. La regia resta sospesa con questo interrogativo. La piccola borghesia, in Europa, è scomparsa, il divario sociale è ormai solo tra due fronti: basso e alto, miseria e finanza. Gli indumenti restano come le convenzioni e gli slogan.

La Compagnia I-SCOT, sempre per la regia di Mattia Sebastian, ha già messo in scena Turandot di Gozzi e Brecht (recitato in brasiliano, coreano, cinese mandarino e cantonese, lituano) e L'architetto e l'imperatore d'Assiria di Arrabal.

Lo spettacolo ha fatto sold-out tutte le sere nella bella sala dello studio D6 al Arts Center per tutte le repliche. Il pubblico cinese, attento e soprattutto giovane, ha salutato gli attori con calorosi applausi.

The Bald Soprano di Ionesco
Shanghai - Studio D6 - Dramatic Arts Center
regia e scene Mattia Sebastian
con Saito Maki, Kameron Steele, Benedetta Laurà, Jingsheng Gu, Bio Shaolong, Chiara Nanti, Agnija Leonova.
Lightdesigner: Makoto Niuwa, Costumi: Mitsuda Toshimi, Sound;: Kobayashi Junya. Produzione: SCOT - Shigemasa Yoshie. Direttore Artistico: Tadashi Suzuki.
2014 Novembre 4-5-6

Ultima modifica il Giovedì, 04 Dicembre 2014 22:17

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

Twitter Feed

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.