sabato, 16 dicembre, 2017
Sei qui: Home / COMPOSITORI-MUSICISTI / Marco Tutino

Marco Tutino

Marco Tutino Marco Tutino

Marco Tutino è nato a Milano nel 1954.
Esordisce come compositore nel 1976 partecipando al festival Gaudeamus, in Olanda. Da allora la sua musica viene programmata ed eseguita con grande successo di pubblico in tutto il mondo da prestigiose istituzioni sinfoniche, concertistiche e teatrali ed è stata diretta, tra gli altri, da Riccardo Chailly, Giuseppe Sinopoli, Anton Nanut, Bruno Bartoletti, Roberto Abbado, Daniele Gatti, Lü Ja, Carlo Rizzi.
Negli anni l'attività di Tutino si è sviluppata soprattutto in campo teatrale: alla prima opera, Pinocchio (1985, commissione della I.C.O.S.S. di Vienna e Opera di Genova) hanno fatto seguito Cirano (1987, Laboratorio Lirico di Alessandria, regia di Gabriele Salvatores, riallestito nel 1990 dall'Ente Arena di Verona), La Lupa (1990, Centenario Mascagnano di Livorno) il dramma concertante Vite immaginarie (1990, teatro Comunale di Bologna) Federico II (1992), commissionata dal teatro dell'Opera di Bonn, Il gatto con gli stivali (1994) e Dylan Dog (1999), commissionate dalla Fondazione Arena di Verona, Vita (2002), commissione del Teatro alla Scala, Le Bel indifférent (2004) commissionata dal Macerata Opera Festival, La bella e la bestia (2005), su commissione del Teatro Comunale di Modena.
Tutino è stato l'ideatore, il promotore e, con altri sei compositori da lui scelti, l'autore del Requiem per le vittime della mafia, eseguito nella Cattedrale di Palermo il 27 marzo 1993.
La Lupa è stata riallestita dal Teatro dell'Opera di Szeged (Ungheria) nel 1994 e 1995, segnando il più grande successo operistico di quel Teatro negli ultimi dieci anni. La registrazione discografica di quest'opera, nell'edizione del ‘90, vince il premio Presidenza della Repubblica.
Il Teatro Alla Scala ha commissionato ed eseguito nella sua stagione sinfonica 1994 il Concerto per Clarinetto e Orchestra, che verrà ripreso dall'Orchestra Sinfonica della BBC di Londra nel gennaio '96.
Per il Teatro Sociale di Rovigo e il Comunale di Treviso Tutino ha composto, su coreografia di Gheorghe Iancu, il balletto Riccardo III; andato in scena nell'ottobre 1995, è stato ripreso nell'ambito della stagione 96/97 del Teatro La Fenice di Venezia.
Nella primavera del 1997 l'Ente Arena di Verona organizza un ritratto di Marco Tutino, programmando due opere a lui commissionate: Il gatto con gli stivali e Pugacev. Nella stagione 1999/2000 del Teatro dell'Opera di Metz, in Francia, verrà riallestito Il gatto con gli stivali, in coproduzione con altri Teatri europei.
Nel marzo del 1998 l'E.A. Teatro Massimo di Palermo produce un nuovo allestimento della Lupa, protagonista Marjana Pentcheva.
Nel 1999 va in scena il balletto lirico Dylan Dog nell'ambito del progetto Futuri ideato dallo stesso Tutino per la Fondazione Arena.
Il 2000 si apre con nuove produzioni all'estero del Gatto con gli stivali (Francia e Germania), il Kyrie e l'Agnus Dei commissionati dalla Sagra Musicale Umbra nell’ambito delle celebrazioni per il Giubileo ed eseguiti in Campidoglio a Roma; lo spettacolo Peter Pan commissionato dal Piccolo Teatro di Milano e un nuovo allestimento delle Vite immaginarie al Teatro Vittorio Emanuele di Messina. Il 2001 vedrà la produzione, al Teatro Filarmonico di Verona, di Peter Uncino, con Milva, Riondino, e il testo di Michele Serra; lo spettacolo realizzerà una tournèe di trenta repliche nei principali teatri italiani. Nel marzo del 2002 il teatro dell’Opera di Metz produce il nuovo allestimento del Cirano in occasione del 250° anniversario della nascita del teatro stesso. La Lupa avrà la sua prima rappresentazione tedesca, a Erfurt, nel settembre 2002. Sempre a Erfurt, nel marzo 2003 viene prodotto un nuovo allestimento del Gatto con gli stivali; quest’opera è stata in programma anche nella stagione 2003/2004 del Teatro dell’Opera di Roma.
Il 28 aprile 2003, al Teatro delle Muse di Ancona, viene eseguito e ripreso dai principali network mondiali il Canto di pace per tenore, coro e orchestra composto da Tutino su testo di Giovanni Paolo II e interpretato da Placido Domingo. Il Canto di Pace sarà interpretato poi da Roberto Alagna nel settembre 2003, e nell'aprile 2006 da Andrea Bocelli con l'Orchestra e il coro del maggio musicale fiorentino.
Il Teatro alla Scala ha commissionato a Tutino l’opera Vita, andata in scena nel maggio del 2003, interpretata da Anna Caterina Antonacci e Michele Pertusi.
La Lupa prosegue il suo grande successo con due nuovi allestimenti: nell'aprile 2006 al Teatro Sociale di Rovigo, assieme al balletto Dylan Dog, e nel 2008 al Teatro Comunale di Bologna con Roberto Alagna come interprete principale.
Federico II viene prodotto al Teatro lirico di Jesi nell'ottobre del 2004, dove ottiene un grande successo di pubblico e di critica.
Dopo Le Bel indifférent, andato in scena al festival di Macerata con un enorme successo e atteso allo Stabile di Torino (2006), al Teatro Lirico di Cagliari (2006) e al Festival di Montpellier (2007), Tutino produce nel dicembre 2005 una nuova commissione del Teatro Comunale di Modena: La bella e la bestia.
Attualmente, il compositore sta lavorando ad una commissione operistica stabilita dalla Fenice di Venezia e dal Macerataoperafestival, su un soggetto tratto dalla commedia Il Servo di Robin Maugham.

Parallelamente, dal 1990 Marco Tutino inizia a ricoprire incarichi di responsabilità organizzativa e artistica nei Teatri Lirici italiani.
Collabora come consulente artistico con il Teatro Valli di Reggio Emilia dal '90 al '93, e realizza uno storico Otello verdiano con Domingo e Nucci in coproduzione con Bonn.
Dal '90 al '94 ricopre il ruolo di Direttore Artistico dei Pomeriggi Musicali di Milano, l'ente di produzione sinfonica della Regione Lombardia.
Nel 1998 al 2002 viene chiamato come consulente artistico e compositore residente alla Fondazione Arena di Verona, dove realizza il progetto FUTURI, un festival dedicato al teatro musicale per le nuove generazioni.
Dal gennaio 2002 viene nominato Direttore Artistico del Teatro Regio di Torino, portando il Teatro ai massimi livelli artistici. Il Teatro Regio di Torino diventa il primo Teatro italiano come numero di abbonati, e si inserisce a pieno titolo nella competizione tra i più prestigiosi teatri europei.
Nell'ottobre 2006 viene nominato Sovrintendente e Direttore artistico del Teatro Comunale di Bologna.

Ultima modifica il Martedì, 25 Giugno 2013 08:26
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Altro in questa categoria: « Nicola Sani Alessio Vlad »

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.